Nuova Zelanda, lavoratori intrappolati in miniera

Ore di attesa in Nuova Zelanda per i ventisette minatori dispersi. Alle quattro e trenta ora italiana, sedici e trenta o locale, si è verificata un’esplosione in una miniera d’acciaio. La cava si trova a Greymouth, sulla costa ovest del paese.

Adesso i soccorritori sono a lavoro e, potrebbe esserci la presenza di gas che potrebbe compromettere la vita dei lavoratori intrappolati. “Si tratta di una triste vicenda” dice Peter Whittal direttore della Piker River Coal, ditta in questione. “Al momento siamo impegnati solo ad accertare cosa sia successo”. Nell’esplosione sono riusciti a salvarsi due minatori che, sono riusciti a trovare un via di fuga. Trasportati all’Grey Base Hospital, registrano ferite lievi. Per ora non si parla di vittime.

Purtroppo torniamo a parlare di incidenti in miniera. Prima in Cile, poi in Cina ed Ecudaor, uomini che hanno rischiato o perso la vita sul posto di lavoro. Se per i minatori cileni l’epilogo è stato più fortunato, lo stesso non di può dire per i colleghi cinesi e ecuadoriani. Vi sono stati rispettivamente trenta e due vittime. Tragedie che alimenteranno il dibattito della sicurezza sul lavoro.

Matteo Melani