“Romanzo Criminale 2”: riassunto dei primi due episodi

Tre bambini della periferia di Roma (i futuri Dandi, Bufalo e Libano) si giurano eterna amicizia. Questo flashback iniziale anticipa l’entrata in scena del cadavere del Libano nell’obitorio: la scoperta dei suoi veri assassini e il riassetto della Banda sono il centro focale dei due episodi di Romanzo Criminale 2, andati in onda ieri sera su Sky Cinema 1 alle 21. Qui di seguito ne riportiamo in breve la trama (attenzione: contiene spoiler).

I sospetti principali cadono sui fratelli Gemito: prima della sua uccisione il Libano aveva avuto infatti un alterco con loro a causa di una partita di poker. Intanto il commissario Scialoja interroga i componenti della banda e viene a conoscenza del fatto, sbattendo dentro i Gemito e sottraendoli così alla vendetta della Banda. Il Bufalo però, non ci sta e cerca in tutti i modi di vederli morti; poi trafuga il cadavere del Libanese dall’obitorio per organizzare una cena d’addio in suo onore, prima di dargli degna sepoltura il giorno successivo.

Ai vertici però, non si sa chi comanda: il Freddo prende le redini della situazione, spingendo Roberta a lasciarlo definitivamente. Il Dandi invece cerca di sistemare economicamente la madre del Libano, perché “questo è quello che lui avrebbe voluto”. Ma la mafia ci si mette di mezzo e semina zizzania tra i due capi rimasti della Banda. Zio Carlo vuole combinare un affare grosso, ma il Freddo – impegnato a vendicare il Libano – non ne vuole sapere e Nembo Kid si rivolge così al Dandi, infastidito dal ruolo preponderante assunto dal suo vecchio amico nel comando della Banda. Donatella, la donna del braccio destro di zio Carlo, entra in affari con la banda prendendo la zona di Trastevere, prima coperta dal Libanese.

Il Freddo riceve delle soffiate secondo cui sono stati i Gemito (intanto scarcerati) ad uccidere il Libano; si reca alle corse dei cavalli e ne uccide uno. La polizia, saputo il fatto, si precipita ad arrestarlo, ma un alibi falso fornitogli da Roberta – che lo aiuta nonostante tutto – lo scagiona. Il resto della Banda decide di fare fuori anche l’altro Gemito, Maurizio, che in una sparatoria con il Dandi, il Bufalo e il Ricotta ha la peggio e viene portato immediatamente in ospedale, dove giace in stato comatoso. Bufalo riesce a scappare grazie alla copertura del Ricotta, ma le nubi si addensano intorno al Dandi, che durante la sparatoria scappa in macchina e – più in generale- si comporta in modo strano. È forse coinvolto in qualche modo nella morte dell’amico? Lo sapremo nelle prossime puntate.

Roberto Del Bove