Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Benedetto XVI: “No a proibizione generalizzata del burqa”

CONDIVIDI

Nel libro “Luce del mondo” scritto con il giornalista tedesco Peter Seewald, del quale l’Osservatore Romano ha anticipato oggi alcuni brani, papa Benedetto XVI riflette a tutto campo sui nodi fondamentali del nostro tempo.

Non può non essere presente un riferimento al tema della tolleranza, che secondo il Pontefice rischia di rivelarsi, nelle sue forme estreme, vera e propria intolleranza.

Nel mondo occidentale, “la vera minaccia di fronte alla quale ci troviamo è che la tolleranza venga abolita in nome della tolleranza stessa. C’è il pericolo che la ragione, la cosiddetta ragione occidentale, sostenga di avere finalmente riconosciuto ciò che è giusto e avanzi così una pretesa di totalità che è nemica della libertà”, afferma Benedetto XVI.

“Credo necessario – spiega Ratzinger – denunciare con forza questa minaccia. Nessuno è costretto ad essere cristiano. Ma nessuno deve essere costretto a vivere secondo la ‘nuova religione’, come fosse l’unica e vera, vincolante per tutta l’umanità”.
Come diretta conseguenza delle riflessioni in merito al principio della tolleranza, Benedetto XVI spende qualche commento anche sul tema del dialogo con l’Islam. “I cristiani – ricorda il Pontefice – sono tolleranti ed in quanto tali permettono anche agli altri la loro peculiare comprensione di sé. Ci rallegriamo del fatto che nei Paesi del Golfo arabo (Qatar, Abu Dhabi, Dubai, Quwait) ci siano chiese nelle quali i cristiani possono celebrare la Messa e speriamo che così accada ovunque. Per questo è naturale che anche da noi i musulmani possano riunirsi in preghiera nelle moschee”.

Infine, due parole sull’uso del burqa. “Non vedo ragione – dichiara il Papa – di una proibizione generalizzata”. “Si dice – precisa immediatamente Ratzinger – che alcune donne non lo portino volontariamente ma che in realtà sia una sorta di violenza imposta loro”. Per Benedetto XVI, “è chiaro che con questo non si può essere d’accordo. Se però volessero indossarlo volontariamente, non vedo perché glielo si debba impedire”.

Raffaele Emiliano

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram