Calciomercato Inter: per ripartire ci vuole Hulk

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:41

Per tornare ai vertici del campionato, l’Inter ha in mente alcuni nomi per i quali potrebbe valere uno sforzo economico non indifferente. Il primo della lista, salito alla ribalta della stampa specializzata negli ultimi giorni, è quello di Givanildo Vieira de Souza, conosciuto come Hulk, attaccante brasiliano del Porto che fa gola a mezza Europa. Non è tramontata poi la pista Schweinsteiger, intorno al quale nel Bayern Monaco è nato un caso legato al rinnovo di contratto che ancora non arriva.

VERDEORO – Col mitico eroe di fumetti e cartoni animati ha in comune solo il nome, ma i suoi numeri parlano chiaro: 16 reti in altrettante presenze sono cifre che non richiedono ulteriori commenti. Hulk è un attaccante moderno, con grande fisicità, velocità ed un’ottima tecnica, qualità che ne fanno uno degli obbiettivi dei maggiori club europei. Fra questi c’è l’Inter, che contro ogni pronostico, ha scoperto di avere difficoltà a trovare la porta e che non può affidarsi alla sola vena realizzativa di Samuel Eto’o. Il brasiliano ha un contratto col Porto che presenta una clausola rescissoria fuori mercato: 100 milioni di euro. La realtà è che per portarlo via al club portoghese sono necessari circa 30 milioni. Una cifra importante, che però si può considerare come un investimento, dato che i suoi 24 anni fanno di Hulk uno dei migliori attaccanti al mondo in prospettiva.

CASO SCHWEINI – L’indecisione di Bastian Schweinsteiger sul rinnovo del suo contratto, in scadenza nel 2012, sta creando qualche grattacapo ai bavaresi. Intervistato dalla Bild, l’allenatore Van Gaal ha sbottato, affermando che se non vuole rinnovare è meglio che venga ceduto, così che il Bayern possa monetizzare: “Il Bayern è un’impresa e i miei club hanno sempre guadagnato molti soldi. Il calcio è un business”. Affermazioni che hanno generato la reazione del ds Nerlinger, che ha subito replicato: “Van Gaal non deve pensare ad arricchirci, ma a continuare a portarci dei successi e per questo c’é bisogno di giocatori come Schweinsteiger”. Un botta e risposta che potrebbe avere due epiloghi: è probabile che uno fra Van Gaal e il centrocampista tedesco parta, meno plausibile invece che entrambi restino in Germania. Anche per Schweinsteiger si parla di una valutazione di circa 30 milioni di euro, denaro che non moltissimi club possono permettersi di spendere. La società di Moratti è tra quei club che può reggere un tale sforzo, anche perché nel calcio moderno, si sa, i grandi risultati cominciano con grandi investimenti.

Alberto Ducci

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!