Londra: una mostra all’insegna della moda!

 

Chi è che dice che le fashion victims pensano solo alla moda ed ai vestiti e non danno il benché minimo valore alla cultura? Seppure la suddetta categoria di signorine non dovesse essere minimamente attratta da libri, mostre d’arte o quant’altro, le fashion victims potrebbero comunque trovare una collocazione per la propria smodata passione nei confronti di tutto ciò che accade ed è accaduto sulle passerelle del mondo. La moda è sempre stata una sorta di forma d’arte, tanto da meritare il proprio posto all’interno di musei di tutto rispetto. Fino al ventisette febbraio, a Parigi, sarà possibile ripercorrere la storia di un giovane ragazzo di nome Louis Vuitton: non c’è fashion victim al mondo che riuscirà a resistere ad un tale evento dal grande valore anche culturale. C’è dell’altro: fino al sei marzo del prossimo anno presso il Design Museum di Londra, sarà possibile prendere parte ad una mostra che ha lo scopo di ripercorrere la storia della moda attraverso alcune illustrazioni. L’esposizione comprende molti disegni fatti da illustratori famosi che fanno parte della storia della moda a partire dagli anni trenta fino ad arrivare ai nostri giorni. Non saranno solo dei disegni a deliziare i fruitori di tale mostra, bensì anche delle fotografie, dei videoclip e della musica. Il secolo che stiamo vivendo ed il secolo scorso verranno raccontati attraverso vere e proprie opere d’arte prese da collezioni di Dior, Chanel, Lacroix, McQueen ed altri.

Alla luce di tutto questo non sarebbe bello organizzare un bel viaggio durante le vacanze natalizie? Potrebbe essere una buona idea quella di partire alla volta di Parigi per sognare romanticamente con Louis Vuitton e di proseguire il proprio viaggio verso Londra?

Altro che capodanno in discoteca vestite di lustrini con l’ultimo modello di scarpe di Guess: molte fashion victims quest’anno potrebbero stupire amici e conoscenti e partire per un viaggio che potrebbe aiutar loro a scoprire molte cose nuove circa i loro beniamini.

Martina Cesaretti