Fumo: Oms, “Sigarette elettroniche nocive, non riducono vizio”


L’Organizzazione mondiale della sanità, Oms, abbatte il sistema antifumo finora maggiormente pubblicizzato: la sigaretta elettronica.

Nient’altro che un mini aerosol metallico a forma di sigaretta che sprigiona vari vapori aromatizzati, che se inalato dà la sensazione di fumare. “Non è assolutamente provato che aiuti a smettere, anzi c’è chi la usa perché in alcuni paesi sono permesse anche dove le sigarette sono vietate”, afferma Edoardo Bianco, direttore regionale dell’Alleanza per la Convenzione – quadro anti-tabacco dell’Oms.

Il mito della sigaretta elettronica, che si stava trasformando in business e moda dilagante, è stato sfatato durante la giornata conclusiva della Conferenza sul controllo del tabacco (CCLAT), tenuta a Punta del Este, in Uruguay. Non si tratterebbe di un metodo infallibile per far sì che il dannoso vizio sparisca, bensì di uno strumento che “sabota le strategie messe in atto dall’Oms nella sua lotta contro il fumo”.

Insomma, chi spera di trovare in quel sistema un concentrato di ingredienti benevoli si sbaglia enormemente: spesso, certe sostanze utilizzate per profumare il fumo emesso sarebbero più nocive del tabacco stesso.

Durante la conferenza è stata sottolineata, a tal proposito, la necessità di regolarizzare l’impiego di sostanze aromatiche contenute nella sigaretta, ma è stato segnalato anche lo scarso supporto dei media, in merito alla lotta al tabagismo. Nei cinque giorni di conferenza a Paraguay, circa 60.000 persone sono morte a causa dei danni provocati dal fumo.

Dall’Italia arrivano informazioni circa il ddl presentato da Ignazio Marino, senatore del Pd e presidente della Commissione d’inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale, e da Antonio Tommassini, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato.

Da segnalare, un opuscolo informativo che Marino spera sia introdotto a breve in ogni pacchetto di sigarette: “Presenterà l’elenco e la concentrazione delle sostanze nocive e velenose che si assumono con le sigarette. Mercurio, ammoniaca, cianuro di vinile e altre 40 sostanze tossiche si aggiungono, infatti, alla nicotina, al monossido di carbonio e al catrame”.

Carmine Della Pia