Genoa, Preziosi furioso: “Marchisio? La Juventus fa la furba con i nazionali”

È un Preziosi furioso quello del post gara con la Juventus: la sconfitta non gli va per niente bene soprattutto perchè si tratta della prima di Ballardini, che aveva debuttato con una vittoria e proseguito sulla stessa strada. La Juventus ha vinto 2 a 0 domenica alle 12.30 aiutata da un grande Krasic, tornato disponibile in tutto e per tutto, e sfruttando due episodi che a Preziosi non sono andati tanto giù.

“Si poteva pareggiare: sarebbe stato più giusto. Abbiamo preso due goal su due sciocchezze”: l’autogoal di Eduardo, in effetti, non si può nemmeno definire papera, come contro l’Inter sul tiro di Muntari, bensì un momento di pura sfortuna nel rimbalzo della palla che sbatte sulla spalla del portoghese e termina in rete; per quanto riguarda il secondo invece la carambola di Krasic termina in rete lentamente dopo aver accarezzato il palo e dopo aver superato Criscito, che, già ammonito, evita l’intervento duro sul serbo.

Però Preziosi ha altri colpi da sparare ed ecco che arriva la frecciata alla dirigenza juventina: “Fanno i furbi con i nazionali – riferendosi al caso Marchisio – Noi i giocatori in nazionale li mandiamo se sono convocati – riferendosi a Kharja e Rudolf, che tral’altro veniva da un infortunio – altri invece sono infortunati ad inizio settimana ma sono pronti per la domenica: poi si allenano anche il giorno dopo le visite del medico della nazionale“.  Insomma la presenza in campo di Marchisio, che ha calciato la palla per l’1 a 0, non è andata giù a Preziosi: il centrocampista bianconero aveva lasciato il ritiro della nazionale per un problema muscolare ma già il giorno dopo era pronto ad allenarsi con la sua squadra. Il presidente del Genoa ci vede qualcosa di ingiusto e soprattutto immorale e scatta la polemica. “Servirebbero regole più chiare e severe” conclude poi per porre fine al suo sfogo contro la Juventus.

Mario Petillo