Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Tangenti, Paolo Maldini indagato: “dimostrerò la mia innocenza”

CONDIVIDI

Indagato a causa di un giro di tangenti. Paolo Maldini, una delle facce più pulite del calcio italiano degli ultimi 20 anni, confessa il proprio sbigottimento. “Ero parte lesa”, dice l’ex capitano del Milan e della Nazionale, “e ora mi ritrovo indagato. Ma saprò dimostrare la mia innocenza. Mi son messo subito a disposizione della magistratura, non appena ho saputo dell’inchiesta leggendo i giornali”.

Maldini ha parlato prima dell’inizio dell’udienza preliminare in cui è accusato, assieme alla moglie Adriana Fossa, di corruzione e concorso in accesso abusivo a sistema informatico, in relazione a pratiche illegali per assicurarsi trattamenti fiscali più favorevoli. Maldini, secondo l’accusa, avrebbe corrotto il funzionario dell’Agenzia delle entrate e commercialista Luciano Bressi tramite delle somme di denaro. Questo per garantirsi l’esenzione da alcuni accertamenti fiscali da parte dell’ufficio dell’Agenzia delle entrate.

L’ex terzino ci tiene a sottolineare che i 180.000 euro che, sempre secondo l’accusa, dovrebbero rappresentare il prezzo della corruzione sono stati, in realtà, prelevati illecitamente dai conti correnti di una società in cui la moglie figura come socia.

Maldini, in un’udienza che coinvolge circa cinquanta persone. è assistito nella sua difesa dall’avvocato Danilo Bongiorno. “Abbiamo già provveduto”, spiega il legale, “a presentare denuncia-querela contro il signor Bressi”. Maldini non ha fatto niente di illegale e lo dimostreremo senza la necessità di ricorrere a nessun rito alternativo. Siamo a disposizione per ogni tipo di chiarimento”.

L’ex calciatore ha tempo anche per dedicare qualche parola al campionato finora ottimo della sua squadra del cuore. “Il Milan vincerà lo scudetto”, sostiene. “Il gioco può migliorare, ma soprattutto non c’è più l’Inter fortissima degli ultimi anni”. Per quanto riguarda la questione Ronaldinho, immortalato da un video che testimonia – per l’ennesima volta – le uscite notturne del brasiliano, Maldini dice: “I brasiliani sono abituati ad andare al ristorante e cenare tardi, nessuna notte brava. Capitava anche a me di far tardi a cena, ma questo non significa non allenarsi o non far vita da atleta”.

Gianluca Bartalucci