X Factor 4: per Marco Mangiarotti il vincitore è Davide

Da “X Factor 4” ad “Amici 10” Marco Mangiarotti è tra gli esperti di musica preferiti dal pubblico, le sue critiche sono in genere ben accolte dagli appassionati dei talent show. Ieri sera si è conclusa la quarta edizione di “X Factor”, Nathalie è la prima vincitrice donna, ma il noto giornalista come probabile erede di Marco Mengoni aveva indicato Davide Mogavero.

Questa volta per Mangiarotti non c’era nessuna certezza, anche se si definiva soddisfatto della finale. A Il sussidiario prima dell’inizio della gara aveva commentato: “Nevruz a me non piace e sono in difficoltà quando sento una persona che stimo molto come Elio definirlo un grande artista. Nathalie non mi dispiace, anche se ha avuto una lunga crisi di identità. Ed è riuscita a ritrovarsi solo nelle ultime puntate. Quello che funziona meglio è Davide… che sarebbe anche un vincitore coerente con questa edizione… Forse il pubblico di Davide sarà quello dai polpastrelli più caldi e veloci nel televoto, quindi riuscirà a farlo vincere, come peraltro si è visto all’ultimo Sanremo… Anche se l’ala del pubblico radical chic preferirebbe la vittoria di Nevruz”.

Dunque la vittoria di Davide sarebbe stata la più ovvia anche se per Mangiarotti il cantante era più un concorrente da “Amici” che da “X Factor”.

Non manca anche qualche critica al programma: “Io ho sempre detto sin dalla prima edizione di X Factor che non sono mai stato convinto della bontà di un format importato dal mondo televisivo anglosassone in Italia. Frequentando da anni un format fatto e rifatto in casa come Amici, un programma molto italiano, ho sempre trovato in X Factor una gabbia che non ci corrisponde: il suo show a orologeria, i giudici che devono fare i fenomeni all’American Idol, il fatto che se devi cambiare qualcosa devi sentire il proprietario del format. Ricordo che dissi a Giorgio Gori, produttore del programma, ‘guarda che secondo me questa cosa qui non diventerà mai il successo che è all’estero’ e purtroppo finora ho avuto ragione”.

S.L.