Ipad: ora un quotidiano su misura

Novembre 2010. Già era capitato con il wap che si poneva l’obiettivo di rendere le pagine web per la navigazione accessibili anche ai primi cellulari internauti. Come previsto i tablets, di cui l’Ipad della Apple è l’oggetto cult del momento, si sarebbero lanciati nel mondo dell’informazione non da secondi arrivati, ma pian piano da primi in classifica.

Sì, primi per semplicità di consultazione e velocità di uso con siti che sempre più tenderebbero ad avere pagine “tagliate” per gli stessi fogli elettronici. Questo sembra stia accadendo al nuovo quotitiano on-line “The Daily”, che da Natale dovrebbe uscire solo per Ipad e IPhone.

La News Corporation di Rupert Murdoch, già proprietario di Sky, dovrebbe lanciare per Natale la testata on-line. Anche i costi, da indiscrezioni web sarebbero già  stati dichiarati: 99cent di dollaro a settimana poco più di 4 dollari al mese. Per avere un prodotto di qualità pare che Murdoch abbia “assunto” circa un centinaio di giornalisti fra cui “writers” del calibro di Pete Picton direttore del sito del Sun , Sasha Freer-Jones critico musicale  e Richard Johnson a corona del gossip del giornale.

Le indiscrezioni sarebbero supportate soprattutto dall’acquisto dei domini relativi alla nuova testata on-line, “thedaily.com e “the-daily.com”, comprati da BuyDomains.

Un dato che si scoprirà solo in futuro sarà l’eventuale decisione della casa della Mela di aprire il servizio anche alla concorrenza e garantire anche ad altri la possibilità di scrivere in formato Ipad. Il giornale di Murdoch sembra che sarà venduto tramite canali on-line fra i quali ci potrebbe anche essere Itunes. In questo caso, ancor di più, si vedrà se le decisioni della casa di Cupertino per il mercato libero della notizia penderanno per aprire ad altri o per restare chiusi su un solo prodotto, almeno per ora

La discussione on-line resta comunque l’imparzialità del canale rispetto al taglio del nuovo quotidiano. Proprio Itunes potrebbe essere soggetto a critiche, dovesse andare in porto la collaborazione : resterà imparziale o dovrà sottostare a restrizioni della Mela? In tutti i casi è ancora storia da scrivere e qui le indiscrezioni non valgono, varranno i fatti e soprattutto le notizie.

I.T.