Napolitano risponde agli attacchi di Libero

Dopo aver richiesto maggiore serietà e meno concitazione in questo difficile periodo per la politica Italiana, e dopo aver richiamato il governo sui pesanti tagli alla cultura, il presidente delle Repubblica Giorgio Napolitano, si è visto sbattuto in prima pagina sia da Libero che da Il Giornale.

Napolitano, grillo parlante a spese nostre è il titolo scelto dal direttore Maurizio Belpietro che scrive che Napolitano “dovrebbe tenersi rigorosamente alla larga” dall’argomento dei tagli, materia certo non di sua competenza per lui che non ha mai amministrato neanche un condominio. Ultimamente, continua il testo, il presidente ha abbandonato la misura sobria e contenuta della prima ora e non passa giorno che non abbia qualcosa da dire e lo dica con tono sostenuto.

Stesso nella giornata poi è arrivata la replica del Colle, in riferimento al messaggio lanciato dal Capo dello Stato cerimonia di consegna dei “Premi De Sica, non conteneva alcun riferimento alla legge di stabilità in discussione in Parlamento si legge se non una valutazione positiva degli annunci del Ministro dei Beni Culturali per quanto riguarda il ripristino di risorse FUS per il 2011 e di rinnovo delle misure di incentivazione fiscale al cinema.

Ingiustificabili speculazioni sui poteri del Presidente della Repubblica, si legge in una nota diffusa ieri dallo stesso Quirinale che dunque risponde in maniera netta e decisa agli attacchi di Belpietro e Feltri.

Ognuno ha i propri poteri e le proprie responsabilità, i propri impegni e il proprio dovere. Conosciamo bene quello del presidente della Repubblica, conosciamo bene quello di quotidiani finanziati anche con soldi pubblici.

Matteo Oliviero