Sbarcano all’Auditorium di Roma i “Processi alla Storia”

 

Saranno sette i grandi Processi alla Storia che andranno in scena all’Auditorium Parco della Musica di Roma e partiranno da Paolo e Francesca per poi passare a Cagliostro, fino ad arrivare a Caravaggio e Giovanna D’Arco, Caino ed Antigone giungendo fino a Giulio Cesare; l’interessante iniziativa parte dall’idea di proseguire il viaggio attorno a quelli che sono i grandi temi della società, dei sentimenti e della politica, il quale viaggio era già stato intrapreso a partire dalla precedente stagione.

E’ in calendario per il giorno lunedì 29 novembre il primo appuntamento, con il processo a Paolo e Francesca;  la Fondazione Musica per Roma ha difatti ultimato e portato a compimento il calendario della rassegna. Saranno quindi giuristi, avvocati, magistrati e protagonisti della politica che interpreteranno , sul palcoscenico della Sala Sinopoli, personaggi della letteratura e della storia; secondo quanto è ormai tradizione per la rassegna, che è stata curata da Stefano Dambruoso e Massimo Martinelli, ciascuno dei Processi alla Storia verrà praticato ed attuato riproponendo e riproducendo con esattezza ed abbondanza di particolari le atmosfere, i colpi di scena e le tensioni tipiche dell’aula giudiziaria.

I protagonisti saranno in scena quindi senza un copione prestabilito, dibattimenti all’impronta, e senza neppure aver “provato” la scena in anticipo nemmeno una volta. Gli imputati prepareranno le loro dichiarazioni di innocenza ed i loro avvocati prepareranno ed elaboreranno le migliori arringhe difensive mentre i pubblici ministeri pronunceranno le loro requisitorie tecniche che terranno conto sia delle responsabilità vere o supposte dell’accusato, sia dei risultati e degli effetti che i loro atteggiamenti e atti hanno avuto nella politica e nella storia  degli anni successivi.

Tra i personaggi che vestiranno la toga compaiono anche alcuni tra i più grandi protagonisti della vita giudiziaria, politica e culturale del Paese come ad esempio i magistrati Piercamillo Davigo, Paolo Ielo, Italo Ormanni, Piero Grasso ed anche avvocati famosi come Paola Severino o Grazia Volo e giuristi come Simonetta Matone, Giuliano Pisapia e Gaetano Pecorella. Il progetto prevede inoltre una raccolta fondi per fini benefici nel corso di ciascuna serata e tutti questi personaggi concorreranno a dar vita a questi fenomenali processi alla fine dei quali a decidere il verdetto sarà il pubblico in sala.

Rossella Lalli