Governo, Berlusconi contro sinistra e ‘traditori’: Vogliono eliminarmi, non ci riusciranno

E’ un Berlusconi sulle barricate quello che oggi ha parlato ai ‘Promotori della libertà’ in un audio-messaggio. “Questo governo è stato eletto dagli italiani e al nostro governo non c’è altra alternativa se non quello di nuove elezioni, che nessuno vuole perché sanno che se andassimo alle elezioni li sbaraglieremmo tutti – ha detto il premier – La vita pubblica è paralizzata da una crisi politica, irragionevole e irresponsabile, che ci ha riportato indietro la vecchia partitocrazia, con i suoi linguaggi e i suoi egoismi”.

I parlamentari eletti nel centrodestra saranno costretti a sostenerci con i loro voti sino al completamente della legislatura – ha avvertito il capo del governo – Chi non lo farà si assumerà la responsabilità di aver tradito gli elettori e sarà segnato per tutta la vita dal marchio del tradimento e della slealtà. Lo scorso 29 settembre il Parlamento ci ha dato un’ampia fiducia. Se da allora qualcuno ha cambiato idea – ha sottolineato Berlusconi – dovrà dirlo con chiarezza e assumersene le responsabilità”.

Il premier è dunque passato al solito attacco alla sinistra.Le opposizioni di sinistra – ha detto – hanno l’obiettivo chiarissimo di ribaltare in Parlamento il voto espresso dagli italiani. Per arrivare a questo sanno che devono eliminare Silvio Berlusconi dalla scena politica perché hanno chiaro che Silvio Berlusconi costituisce un ostacolo insuperabile che si frappone alla conquista del potere da parte loro. Ma non ci riusciranno: noi e voi non lo consentiremo“.

Il nostro è il governo del fare, del fare quello che la gente chiede alla politica, cioè quello di cui il Paese ha bisogno. Gli altri parlano, noi facciamo“, ha dichiarato un euforico presidente del Consiglio.

Raffaele Emiliano