Home Notizie di Calcio e Calciatori

Liga, Guardiola e Mourinho scaldano la vigilia di Barça-Real

CONDIVIDI

Le frecciate della vigilia: si punzecchiano, in maniera velata o meno, i tecnici di Barcellona e Real Madrid. Se il “Super Clasico” non è ancora decisivo per la stagione, lo sarà di certo per la supremazia in terra iberica: a prevalere sarà lo stile più sobrio di Guardiola o quello guascone e istrionico di Mourinho? Al campo l’ardua sentenza. Intanto la sfida nelle dichiarazioni pre match è caldissima. Chi ha vinto? Al lettore la scelta.

Il solito Mou – Lo “Special One” carica la vigilia: “Non si può dire chi sia il favorito: di certo, noi siamo motivatissimi: il mio desiderio è che sia una grande gara e si possa parlare solo di calcio. L’arbitro è Iturralde? Saranno felici loro, noi non lo siamo”. Spiega Mou: “Sul direttore di gara non sono prevenuto: si leggono tante cose sui giornali, ma non credo sia un tifoso blaugrana. Noi faremo di tutto per metterlo a suo agio”. Il portoghese subisce, ma non troppo, il fascino del “Super Clasico”: “E’ la partita contro gli eterni rivali, ma io preferisco la Champions, gli scontri diretti: affrontarli in Champions avrebbe un sapore diverso. Per il discorso Campionato mancano troppe gare: se vinciamo dopodomani sarà martedì. Se perderemo sarà martedì comunque”. Un commento su Guardiola: “Non commento il suo stile: è il suo, io non posso dirgli nulla. Che formazione schiererà? I soliti undici”. Chiosa “Special”: “Il mondo aspetta questa partita. Dobbiamo dare al mondo la partita che si merita”.

La filosofia di Pep – Guardiola sa che partita lo aspetta: “Sarà come Barça-Inter dello scorso anno: noi attacheremo, non ci nascondiamo. E se dovesse andar male, vorrei poter dire di aver visto il Barcellona fare il Barcellona”. Il tecnico blaugrana crede di sapere cosa lo aspetta: “Mourinho giocherà di rimessa: d’altronde è la filosofia del Real Madrid, il contrattacco: hanno sempre avuto giocatori rapidi, bravi nel contropiede”. Continua Pep, mettendo un po’ le mani avanti: “Il match, che mi aspetto spettacolare, sarà importante ma non fondamentale: manca molto, ma il risultato sarà importante. Finora ho uno score di 4 vittorie in 4 incontri contro il Real. Prima o poi la sconfitta arriva”. Infine, la risposta a Mou: “Non è vero che ho voluto fare la conferenza stampa tardi per rispondere alle sue dichiarazioni: la realtà è che ho organizzato l’allenamento più tardi del solito per dar spazio alle giovanili che occupano i campi della nostra Ciudad Deportiva”.

Edoardo Cozza