Home Tempi Postmoderni Scienze

Toshiba Folio 100: flop del tablet giapponese nel Regno Unito

CONDIVIDI

Regno Unito. Pare non siano bastate le brillanti caratteristiche hardware di uno dei principali concorrenti dell’IPAD a garantirgli il successo. Il Toshiba folio 100 prometteva brillanti performance e sembrava aver le caratteristiche per contrastare il cult del tablet della Apple ed invece le cose potrebbero anche andare diversamente. Nel Regno Unito i maggiori venditori di hi-Tech sembra stiano scoraggiando le vendite o addirittura fermando la distribuzione del potente tablet.

Questo sembra essere dovuto a due fattori principali ed a qualche problema “minore”.

Il primo sbarramento pare l’abbia dato “Flash“, il programma per la visualizzazione dei filmati e di molte pagine “dinamiche ” del web che, a causa di un bug del dispositivo, non consentiva la perfetta visualizzazione dei contenuti online. Questo problema pare però sia già in fase di risoluzione da parte della casa giapponese.

Il secondo ostacolo e forse il più grave per gli utenti è venuto invece dall’impossibilità di usare l’Android market da parte del tablet. L’Ipad e l’Iphone hanno all’attivo uno store per acquistare migliaia di “apps”, le applicazioni per fare tutto ciò che si vuole con il proprio dispositivo, mentre la Toshiba invece di utilizzare il concorrente dello store della Apple, l’Android market, ha preferito costruirne uno proprio e vincolare il suo prodotto alle apps di sua proprietà. Purtroppo il marketplace della casa giapponese non è all’altezza della Apple  né del concorrente Android.

Sulla scorta delle difficoltà riscontrate, sono stati molti gli utenti inglesi che hanno deciso  di riportare indietro e chiedere risarcimento della cifra di acquisto. All’estero è più facile avere questo tipo di soddisfazione a confronto del mercato italiano, e così i venditori hanno ritirato i prodotti e ridato i soldi ai consumatori. Ora il tablet, pare in accordo con  la stessa Toshiba, è proposto ad un prezzo di vendita fuori mercato in modo da dare il tempo alla casa produttrice di risolvere alcuni dei suoi problemi.

Sembrerebbe un brutto colpo per un tablet che aveva tutti i requistiti, schermo touch da 10 pollici, dual core Tegra2, porte usb e HDMI, telecamera frontale da 1,3Mpixel, Wifi e connessione 3G.

Gli utilizzatori di tecnologia oltre alla qualità del prodotto ormai sono molto esigenti dal punto di vista delle applicazioni ed i produttori di nuovi apparecchi hi-tech dovranno fare un grande sforzo per essere all’altezza delle aspettative.

I.T.