Home Spettacolo

Il congedo di “Vieni via con me” con Dario Fo e la Gabanelli

CONDIVIDI

Sta per scendere il sipario su “Vieni via con me“, la trasmissione di Fabio Fazio e Roberto Saviano giunta alla sua ultima puntata. Il congedo del programma dei record sarà scandito dalla presenza di ospiti eccellenti: dal premio Nobel per la Letteratura Dario Fo alla giornalista Milena Gabanelli; da Don Ciotti al procuratore Antimafia Petrio Grassi.

Più precisamente: l’autore di “Mistero buffo” reciterà un elenco-appello rivolgendosi alla classe politica italiana mentre la conduttrice di “Report” leggerà un elenco autobiografico. Con Don Ciotti e Pietro Grassi si parlerà, invece,  di volontariato e legalità. Spazio anche alle proteste contro la riforma Gelmini con l’intervento di studenti, insegnanti e ricercatori universitari che forniranno il loro personale punto di vista sullo stato di salute della scuola e dell’università pubbliche.

Cresce l’attesa anche per gli ultimi interventi di Roberto Saviano che stasera si intratterrà su argomenti quanto mai scottanti come la ricostruzione post terremoto in Abruzzo e il voto di scambio in politica, promettendo di firmare un congedo foriero di discussioni. Protagonista dell’angolo comico della trasmissione sarà infine Antonio Cornacchione che – in osservanza allo stile del format – reciterà un suo personalissimo elenco. Sarà lui l’ultimo animatore dello spazio che, nel corso delle puntate, ha avuto il merito di riportare sul piccolo schermo Roberto Benigni, Antonio Albanese, Paolo Rossi e Corrado Guzzanti.

Secondo quanto riferito dagli autori e dai conduttori, i comitati pro-life (che avevano chiesto di partecipare alla trasmissione per “replicare” agli interventi di Peppino Englaro e Mina Welby) non calcheranno lo studio di “Vieni via con me“, mentre nessuna concessione è stata firmata dal cda della Rai sull’orario. Il conduttore e autore Fabio Fazio aveva, infatti, chiesto ai vertici di viale Mazzini di prolungare la durata dell’ultima puntata del programma fino alle 24,00 in modo da consentire un più sereno svolgimento del programma stesso, ma la dirigenza Rai ha chiuso a questa possibilità, imponendo di rispettare l’orario concordato: quello delle 23,30.

Maria Saporito