Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Marco Travaglio: “Bene Wikileaks, Berlusconi una macchietta”

CONDIVIDI

marco travaglio

Marco Travaglio saluta favorevolmente i rapporti messi in Rete da Wikileaks. Per il giornalista di Annozero, essi mettono in evidenza l’ipocrisia dei politici e potrebbero segnare l’inizio di una nuova era nelle relazioni internazionali.

Marco Travaglio, nella sua consueta rubrica Passaparola (su beppegrillo.it e su Youtube), ha evidenziato come stavolta non ci siano state le solite smentite di rito. Nessuno ha detto che i documenti diffusi in Rete siano falsi. Secondo i governi, però, essi non andavano resi pubblici, perché potrebbero compromettere le relazioni internazionali.

Travaglio cogli l’occasione al volo per attaccare il capo del governo Berlusconi, che dai rapporti uscirebbe ridicolizzato, a dispetto degli altri leader mondiali: “L’unico ritratto che è bidimensionale, è piatto, è quello del nostro: il nostro è descritto semplicemente dalla cintola in giù, è l’unica parte che rileva per le diplomazie internazionali, il fatto che si preoccupa di notte di fare festini, vengono definite “orge selvagge” questo naturalmente farà molto piacere a lui che si creda che fa orge selvagge, però gli americani si occupano di questo aspetto perché dicono che questi festini e queste orge hanno poi dei riflessi paradossali, anche un po’ tragicomici in quello che lui fa di giorno, perché lui di giorno è impegnatissimo a nascondere quello che ha fatto di notte e quindi si spiega così il fatto che trascorra le giornate al telefono con la Questura di Milano per spacciare per nipote di Mubarak una minorenne che si sarebbe detto una volta di facili costumi e il resto della giornata lo passa a scansare i processi e a nascondere, a seppellire sottoterra il suo passato, che è la sua vera ossessione insieme ai festini, della Merkel non riescono a dire niente di male, al massimo che è un po’ noiosa, poco creativa ma tenace quando si trova in difficoltà, di Sarkozy si dice che è un imperatore nudo, autoritario, senza scrupoli con i suoi collaboratori, di Putin si dice che è un capo branco e con Medvedev ha un rapporto piuttosto da maschio dominante per cui anche se non ha, perché per la costituzione russa non può avere la carica massima in Russia, è comunque lui quello che comanda”.

Più avanti Travaglio rincara la dose sul premier: “Berlusconi è visto come una macchietta, come un pagliaccio, come un personaggio ridicolo a livello internazionale e pericoloso a livello nazionale. La n. 2 dell’ambasciata americana, stiamo parlando di una signora che è stata per 4 anni di fatto la vice ambasciatrice, lo definisce inetto, incapace di governare, inadatto a governare, vanitoso e dedito a queste feste selvagge che poi gli rubano tempo al riposo e quindi di giorno è una specie di pugile suonato”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram