Home Televisione

Stasera in tv l’horror “La casa del diavolo”

CONDIVIDI

Gli amanti dell’horror avranno atteso a lungo questo momento! Arriva in tv “La casa del diavolo” (2005), sequel passato quasi sotto silenzio de “La casa dei 1000 corpi”. La pellicola, come il suo predecessore, è stata diretta dall’ormai celebre mago dell’horror Rob Zombie (“Halloween – The beginning”). Nel cast Sid Haig, Bill Moseley e, come dapprincipio, Sheri Moon Zombie. Il lungometraggio andrà in onda questa sera, alle ore 22:00, sulla rete satellitare Fantasy.

La famiglia Firefly, come si intuisce alla fine del primo film, continua a dedicarsi indisturbata all’attività di maniaci assassini e torturatori. Ma lo sceriffo John Wydell ha intenzione di mettere fine ad ogni massacro e vuole a tutti i costi vendicare suo fratello. Dopo l’irruzione nella loro casa, cattura Mama e uccide uno dei due fratelli. Otis e Baby riescono a fuggire ma lo sceriffo, che non ha alcuna intenzione di arrendersi, assolda “The unholy two”, un duo di sicari spietati per rintracciare i Firefly. Questi ultimi, intanto, hanno continuato a far strage lungo il loro tragitto…

Opera seconda per il regista Rob Zombie. Lui che viene dal mondo della musica rock, è già approdato ad uno stile registico ben riconoscibile. Sempre più precise, dunque, le sue connotazioni di originalità: prima fra tutte, l’uso di una violenza al limite del sopportabile. Ma non è tutto qui. Il lugometraggio si fregia di una serie di personaggi ancor più riusciti che nel prequel: mostri spietati che si danno la caccia e sembrano essere sempre più al limite del verosimile. E tuttavia credibili! Le vittime così, finiscono per sembrare semplicemente il sale di una pellicola che ricalca a tratti il western e a tratti il poliziesco dei seventhies. Lasciandosi indietro le citazioni usate in “La casa dei 1000 corpi”, Zombie propone, qui, un’assimilazione ai canoni del genere pur con una buona dose di inventiva. Sempre bella la colonna sonora che in “La casa del diavolo” tocca lo stile country.

Valentina Carapella