Milan, Ibrahimovic confessa: “Tre anni e smetto. Voglio giocare con Balotelli”

“Mi sento il giocatore più forte del mondo. Gioco al massimo altri tre anni, devi smettere quando sei al top”. Mai banale, Zlatan Ibrahimovic.

Da Mourinho al gol nel derby, dalla sua vita privata a Mario Balotelli. Per finire con un elogio al Milan. Il centravanti svedese si è concesso in un’intervista a Vanity Fair in cui parla di tutto, a cominciare dal suo rapporto con lo Special One: “In campo si trasformava come noi giocatori. Però non mi ha mai detto come ha preso la decisione di vendermi al Barcellona. Ci sentiamo spesso ancora oggi, ma di questo non mi ha mai parlato. Non lo raggiungerò al Real Madrid, ora sono un calciatore del Milan e sto bene qui. Io e Josè siamo simili perché parliamo chiaro e concreto. Quando giocavo male mi insultava anche davanti agli altri”.

Il suo passaggio in rossonero quest’estate non è di certo piaciuto ai tifosi interisti, che nonostante il triplete conquistato la scorsa stagione avevano ancora negli occhi le sue magie: “Se sei un vero tifoso sei contento di quello che ho fatto per l’Inter. Questo almeno è rimasto a me: un ricordo positivo. Un mio ritorno all’Inter? Il mio motto è: non si torna indietro. Mai”.

Talmente deciso a non tornare indietro che il bomber ha ‘punito’ la sua ex squadra con il più classico dei gol dell’ex, festeggiato insieme ai supporter milanisti. Ibra spiega il perché della sua esultanza: “Prima della partita mi avevano chiesto: “Se fai gol esulti?”. Ho risposto: “Non lo so, dipende dall’emozione che provo”. Non puoi dire prima cosa farai, se ragioni così il tuo gioco è disturbato, devi lasciare libero l’istinto. Ma va bene così, non cerco approvazione, non voglio essere perfetto”.

Nella vita privata, lo svedese è un’altra persona: “Non ci annoiamo e non cerco nuove sfide. Nel 2006 abbiamo fatto un figlio, poi nel 2008 il secondo. E se vogliamo altre novità facciamo il terzo”.

Parlando di mercato invece, in un’altra intervista a Chi Ibrahimovic si è pronunciato a proposito di un possibile arrivo al Milan di Mario Balotelli, del quale si continua spesso a parlare nonostante il giovane attaccante indossi da pochi mesi la maglia del Manchester City: “Mario, che è un grandissimo calciatore, ha dimostrato di essere anche intelligente. Sarebbe bello per entrambi tornare a giocare insieme. Anche per i tifosi del Milan”.

Il Milan sembra aver conquistato lo svedese: “E’ un club fantastico, sotto ogni punto di vista: dall’organizzazione alla cura dei particolari, dalle strutture ai professionisti che ogni giorno mettono anima e corpo nel proprio lavoro. Sono onorato di fare parte di questo gruppo. Potrebbe essere la mia ultima esperienza”.

Francesco Mancuso