Perugia, smantellata organizzazione di narcotrafficanti nordafricani

Sono al momento 32 le persone arrestate nell’ambito di una maxi-operazione iniziata nelle primissime ore del mattino dai finanzieri del Comando provinciale di Perugia. Il blitz è stato eseguito con l’intenzione di colpire i rappresentanti di una grossa organizzazione dedita al traffico di stupefacenti, in special modo hashish.

Tutti i soggetti che sono stati fermati, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Direzione distrettuale antimafia di Perugia, sono di origine nordafricana. Per gli arrestati c’è l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.

Questo improvviso blitz delle Fiamme Gialle rappresenta la seconda tappa di un’indagine che aveva portato all’arresto, qualche tempo fa, di altre 18 persone. Nella prima parte dell’operazione chiamata ‘Arcobaleno’ i finanzieri della Sezione antidroga del Gico si erano concentrati sull’indagare in particolare spacciatori e corrieri.

Stando alle indagini della Guardia di Finanza, nel complesso l’organizzazione era ben inserita e diffusa all’interno del territorio dell’Umbria ma aveva anche intessuto proficue relazioni con Toscana e Lombardia.

I finanzieri, al termine della seconda parte dell’operazione ‘Arcobaleno’, che hanno eseguito all’alba di questa mattina, hanno sequestrato circa 50 kg di hashish, 500 grammi di cocaina ed eroina, 178 macchine (anche di lusso) e 25.000 euro in contanti. Le auto erano intestate ad alcuni prestanome e venivano utilizzate anche per il trasporto della droga. Si procederà in questi giorni a valutare il profilo patrimoniale dei fermati prima di arrivare alla confisca dei beni.

Gianluca Bartalucci

?