Home Spettacolo

Vieni via con me ultima puntata, Saviano e Fazio chiudono col botto

CONDIVIDI

Ultima puntata ieri per Vieni via con me condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio. Nuovo boom di ascolti per il programma che nell’ultimo mese ha dato una botta di vita a una televisine sempre uguale caratterizzata da talent show, reality show e programmi che cercano di indagare al posto delle forze dell’ordine. Qualcosa di nuovo che il pubblico ha apprezzato a giudicare dal numero di telespettatori che in queste quattro puntate si sono seduti davanti alla tv in attesa di conoscere gli elenchi e gli ospiti della serata.

Vediamo insieme un piccolo resoconto di quello che è seuccesso ieri nella quarta e ultima puntata di Vieni via con me ( nella prima parte).

Parte Fabio Fazio leggendo l‘elenco delle cose che questo programma gli ha insegnato e sono davvero tante!

Arrivano poigli allievi della Scuola d’arte Drammatica Paolo Grassi di Milano che leggono l‘elenco delle cose di cui siamo fatti. Si va dagli scarpini di Roberto Baggio al megafono di Federico Fellini alla chitarra di Fabrizio De Andrè. Uomini e donne che hanno lasciato, che ci hanno lasciato qualcosa che il tempo non potrà cancellare e che fa parte della nostra storia.

Entra Benedetta Tobagi legge l’Elenco di cose che le ha lasciato suo padre Walter

Roberto Saviano nel suo monologo racconta la storia dei ragazzi che abitavano nella casa dello studente durante il terremoto dell’Aquila. Racconta storie di ragazzi comuni che erano li per studiare e invece hanno lasciato tra quelle pareti costruite male la loro vita.

Fazio e Roberto leggono poi un elenco di frasi scritte da Enza Biagi sull’Italia.

Si esce poi dall’Italia per parlare di posti lontani in cui è difficile vivere. Si inizia con l’Elenco delle cose che ha visto per le strade di Luanda in Angola. L’elenco viene letto dal responsabile di Save the Children Italia, Francesco Aureli.

Ma si ritorna poi subito in Italia a Torino: Elenco delle cose che ho visto per le strade di Torino, letto da Ernesto Olivero, fondatore del Sermig.

Si lascia ancora il nostro paese per parlare della Romania: viene letto l’Elenco delle cose che ha visto sotto le strade di Bucarest da Franco Aloisio, di Parada.

Si conclude questa lista con l’elenco delle cose che ha visto per le strade di Kabul, letto dalla presidente di Emergency, Cecilia Strada.

Questo è quello che è successo nella prima parte del programma.

Filomena Procopio