Home Cultura

Emergenza rifiuti a Napoli: in azione anche i militari del genio

CONDIVIDI

Era necessario l’intervento dei militari del ventunesimo Genio guastatori che oggi sono entrati in azione a Ponticelli, a Napoli, per eliminare tutti gli accumuli di sacchi di spazzatura accatastati in questi giorni nella città.

L’azione non era sicuramente programmata, ma ha dato il via all’intervento il tenente generale Mario Morelli, da pochi giorni a capo dell’Arma dei trasporti e dei materiali, nonché comandante Logistico Sud e responsabile delle Unità operative e unità stralcio per l’emergenza rifiuti in Campania

I militari, attrezzati di bobcat e mezzi da terra sono arrivati a Ponticelli con un inaspettato blitz.

Il prossimo intervento urgente che vedrà di nuovo in azione i miliari del Genio, ripulirà il comune di Sant’ Antimo, sempre nel napoletano, anch’esso a rischio.

Ma un’altra importante operazione è quella che è stata già effettuata a Quarto, sempre in provincia di Napoli, una tra le zone più a rischio tra quelle colpite dall’emergenza rifiuti. In questa zona i militari del genio guastatori, reparto della brigata Garibaldi di Caserta, hanno liberato la zona di un carico di spazzatura che ha riempito ben 8 camion. L’intervento è iniziato dalla zona di via Madre Teresa di Calcutta: qui infatti un ‘muro’ di immondizia lungo circa 200 metri rendeva impossibile la vita quotidiana ai cittadini.

Abbiamo deciso di partire da via Madre Teresa in quanto e’ una zona densamente popolata, c’e’ una scuola elementare e una stazione della circumflegrea con via vai di migliaia di pendolari. Successivamente passeremo alla zona archeologica di via Spinelli dove c’e’ la Fescina. Da domani partiranno anche i nuovi orari prolungati per il conferimento presso l’isola ecologica comunale – aveva dichiarato lunedì il sindaco – Mentre per metà dicembre presenteremo il piano per la raccolta differenziata porta a porta, il secondo step della differenziata, che per adesso interesserà duemila cittadini che vivono tra via Crocillo e via Mazzini”.

Martina Guastella