Il fumo la causa dell’acne post-adolescenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:59

Avete l’acne e fumate? Una nuova scoperta dell’Istituto Dermatologico San Gallicano di Roma in collaborazione col Dessau Medical Center (Germania), mostra come i due fattori sono strettamente collegati.

Si chiama Acne Comedogena Post Adolescenziale (CPAA), ed è una particolare forma di acne che non colpisce gli adolescenti ma le persone in età adulta. Lo studio è stato realizzato su 226 donne affette da acne con un’età compresa tra i 25 e i 50 anni  e il 71,4% di tali donne è fumatrice. Dalle analisi condotte è stata confermato l’esistenza nelle donne adulte di un tipo di acne non infiammatoria, caratterizzata da molte lesioni comedogene diffuse uniformemente su tutto il viso, riscontrata nell’85% delle pazienti esaminate.

Dai dati emerge lo stretto legame tra questo tipo di acne ed il fumo di sigaretta. L’Acne Comedogena Post Adolescenziale non deve essere confusa con l’acne post adolescenziale papulopustolare, che compare solo sulla parte inferiore del viso e con lesioni infiammate.

A capo dello studio Bruno Capitanio che ha dichiarato <<I risultati ottenuti non solo confermano i dati precedenti, dimostrando che la CPAA è la forma più frequente di acne nelle donne adulte, ma associano in maniera evidente questa forma clinica al consumo di sigarette – ha spiegato Capitaino. Le fumatrici non solo rappresentano il 66% del nostro campione, ma ben il 71,4% delle donne affette da CPAA fuma abitualmente, il che suggerisce una correlazione diretta tra sigarette ed acne non infiammatoria>>.

Il fumo, dunque, non solo  rende la pelle del viso giallastra e secca, ingiallisce i denti, provoca gravi danni alla salute e adesso è la causa dell’acne post-adolscenziale. Un altro motivo per smettere di fumare.

Daniela Ciranni

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!