Nissan lancia la prima auto elettrica per il mercato di massa

La nipponica Nissan lancia la Leaf, la prima auto elettrica destinata al mercato di massa.

La “rivoluzionaria” vettura a zero emissioni è a due volumi, cinque posti ed in grado, secondo i test effettuati dalla casa automobilistica, di percorrere 200 chilometri con un pieno.

Le consegne inizieranno questo mese in Giappone e in alcuni stati Usa , dove l’azienda nipponica ha già soddisfatto gli ordini iniziali, rispettivamente di 6000 e 20.000 vetture, mentre a gennaio Leaf arriverà anche in Europa, prima tappa Gran Bretagna.

Con la francese Renault, Nissan ha pianificato un investimento di 4 miliardi di euro nei prossimi anni per la produzione di massa di veicoli elettrici e le batterie che li alimentano e fino al 2012 è prevista una produzione massima di 50.000 veicoli l’anno.

Il prezzo consigliato è di 2,98 milioni di yen in Giappone, dove sono in vigore gli incentivi statali per le auto elettriche, e di 3,76 milioni di yen, circa 44.900 dollari, sulla piazza statunitense.

Il lancio della Leaf (“foglia”) segue, a distanza di un anno, quello della i-Miev da parte della Mitsubishi, ma la Nissan punta a diventare leader in questo nuovo mercato, date le sue stime che parlano di conquista del 10% delle vendite globali entro il 2020.

Per rimediare alla “classica” poca autonomia delle vetture elettriche, solitamente un quarto di quelle a benzina o diesel, Nissan ha già installato in Giappone punti di ricarica presso 2.200 dealer e punti di ricarica rapida, con cui è possibile ricaricare l’80% della piena capacità delle batterie in scarsi 30 minuti, presso 200 dealer.

Marco Notari