Home Tempi Postmoderni Scienze

Specchio, specchio delle mie brame, chi è il più social del reame?

CONDIVIDI

Dopo aver visionato il materiale informativo ed i video di questo prodotto, il primo pensiero di chi scrive è stato un ritorno all’infanzia ed alla bellissima scena di Biancaneve in cui la perfida Matrigna intonava davanti allo specchio le seguenti parole: “Specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”.

C’è solo da immaginare e fantasticare su ciò che invece potrà chiederci uno specchio digitale, pilotabile da un telecomando ed assolutamente personalizzabile via pc.

Può capitare quindi che al mattino appena svegli mentre ci si fa la barba oppure ci si lava i denti compaia un grafico che richiede di pesarsi e ci faccia illuminare il volto facendoci vedere l’andamento positivo o negativo della nostra dieta.

Si tratta di Cybertecture Mirror uno specchio di circa 800 mm x 500 mm x 50 mm, disponibile in quattro colori (nero, bianco, argento e marrone), collegato ad Internet via WIFI con firmware upgradabile e Anti Fog. Se inoltre vogliamo ascoltare musica basta che regoliamo il volume.

Idea originalissima che arriva dalla società James Law Cybertecture di Hong Kong e prodotto preordinabile da questo mese al costo di circa Euro 6000 (prezzo indicativo da confermare), può essere utilizzato tramite l’uso del telecomando oppure tramite l’applicazione Smartphone disponibile.

Tra le informazioni visibili sul display vi sono i feed, la mail, messaggi, i contatti dei social network e altre applicazioni in the cloud raggiungibili e personalizzabili tramite il proprio account accessibile via pc.

Incluso nel pacchetto vi è anche un Sensor Pad che funge da Bilancia integrato allo specchio e consente di monitorare lo stato della propria forma fisica. Inoltre sono disponibili applicazioni per il benessere ed è quindi possibile, in un modo simile al meccanismo di Kinect, fare degli esercizi fisici ‘guidati’ dal suggerimento che appare sullo schermo.

Le grandi aziende di software 2.0 sono, per la maggior parte, concentrate nello sviluppo di applicazioni per device e/o smartphone in quanto ormai il cellulare è oggetto di tutti e di tutti i giorni ed è quindi un mezzo abilitante importante, ma lo specchio, in effetti, non usiamo tutti i giorni anche quello?.

Natascia Edera

Fonte delle immagini: Cybertetecturemirror.com