Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Vittorio Aliprandi su Facebook “I rom mi fanno vomitare”. Scoppia la polemica

CONDIVIDI

Stanno scatenando una grande polemica le parole scritte da Vittorio Aliprandi sul suo profilo Facebook qualche ora fa.

Il consigliere comunale di Padova vicino al Pdl e  già parlamentare della Lega Nord nel 1994, ha infatti pubblicato <<I rom? Mi fanno vomitare e mi verrebbe voglia di prendere a calci tutti quelli che si fingono storpi e poi camminano normalmente>>. Ma non si è fermato qua. Ha poi continuato ribadendo il suo disprezzo <<Non ho mai conosciuto dei rom che volessero integrarsi, se lo fanno è per fregarti i bambini, bisogna toglierli alle famiglie appena nati se li vuoi cambiare>>.

Dure parole che hanno scatenato subito una gran polemiche e che fanno invocare, da parte dei suoi avversari, le immediati dimissioni. Ma dal canto suo, Vittorio Aliprandi ha spiegato che la sua è solo una goliardata che ha un fine provocatorio e non ha intenzione di chiedere scusa perché quelle frasi sono da analizzare nel contesto del social network e in riferimento a un determinato episodio.

Immediate le risposte dal mondo politico. L’Italia dei Valori ha espresso il suo disappunto attraverso la nota di Antonino Pipitone coordinatore provinciale di Padova <<Al giorno d’oggi gli spazi per esprimere il proprio sentire politico si sono moltiplicati, non c’è più solo l’intervento in aula o il comizio. Scrivere certe nefandezze in rete, consci della proprio ruolo pubblico, è tutto fuorché una leggerezza. Molti esponenti del centrodestra, anche con questi sistemi, cercano di montare un clima di intolleranza e di inciviltà, per nascondere i veri problemi del paese e la palese incapacità del centrodestra di dare risposte concrete alla gente>>.

Il segretario comunale Pd di Padova, Piero Ruzzante ha aggiunto <<Le farneticanti affermazioni di Aliprandi sul popolo rom sono del tutto simili a quelle di un nazista e non lo rendono degno di sedere nei banchi di un Consiglio Comunale di una città come Padova>>.

Daniela Ciranni