A Rovigo Palazzo Roverella ospita la mostra Tono Zancanaro, un disegno degli dei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:59

Rimarrà aperta fino al 23 dicembre la mostra  Tono Zancanaro, un disegno degli dei che negli spazi di Palazzo Roverella a Rovigo ricorda l’artista a venticinque anni dalla sua scomparsa.

L’esposizione presenta circa 170 opere, molte delle quali mostrate per la prima volta al pubblico, ed è stata suddivisa in sezioni per aiutare il visitatore ad avvicinarsi alla complessa visione artistica di Toni Zancanaro, artista che viene ricordato come uno dei migliori grafici del secolo scorso.

Le sezioni che compongono la mostra sono:

Opere degli anni ’30
Il ciclo del GIBBO
Il ciclo della LEVANA
L’alluvione in Polesine
Le mondariso
Giocolieri e personaggi del circo
Brunalba, Circe e i carusi
Il ciclo del NEO GIBBO
Visioni padovane
Il ciclo dei MOSTRI PALAGONESI
Gli ultimi lavori

e sono introdotte singolarmente da una breve descrizione curata dall’Archivio Storico Tono Zancanaro.

Per l’occasione è stato pubblicato anche un catalogo, realizzato dalla Fondazione Banca del Monte di Rovigo, in cui si presentano le riproduzioni di tutte le opere in mostra e le descrizioni delle sezioni grazie ai testi curati Nicola Micieli, Gabbris Ferrari, Sergio Garbato e Manlio Gaddi. Completano il volume anche tavole con opere pittoriche inedite realizzate tra gli anni venti e trenta da Zancanaro e una nota biografica.

Nel periodo della mostra sono previsti, previa prenotazione, incontri di approfondimento e visite guidate alla mostra a cura di critici e studiosi di
storia dell’arte.

Gli orari di apertura sono 9-19 durante i giorni feriali (chiuso i lunedì non festivi) e sabato e festivi ore 9-20.

Beatrice Pagan