Letta (Pd): “Con Verdini e Gasparri la destra scivola nell’eversione”

La destra ha preso la strada della rottura istituzionale, alla faccia di chi pensa di poter dar comunque continuità all’esperienza di questo centrodestra”. A dichiararlo è il vicesegretario del Pd Enrico Letta, che così commenta ”l’attacco di Verdini di ieri a Napolitano” e “gli insulti sguaiati e da respingere in toto di Gasparri ora a Ciampi, al quale riconfermiamo riconoscenza ed esprimiamo solidarietà”.

Letta si riferisce a quanto dichiarato oggi dal capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri. “Sconsiglio agli esponenti di sinistra di proporre un governo con un super Ciampi. Ancora aspettiamo dal Ciampi vero qualche spiegazione sulla resa alla mafia del suo governo del ’93. Noi – ha dichiarato Gasparri – preferiamo il governo di centro-destra che ha varato un super 41bis anti crimine, ai governi alla Ciampi che hanno fatto sconti ai capi mafia per ragioni che sarà bene capire”.
Letta, che allarga le sue riflessioni anche al ‘ce ne freghiamo’ con cui ieri Denis Verdini ha replicato a una nota del Quirinale, conclude: “Berlusconi dica se è d’accordo o meno con le parole dei suoi massimi dirigenti. Noi impediremo con tutti i mezzi la deriva eversiva che gli attacchi di Verdini e Gasparri fanno prevedere”.

Raffaele Emiliano