Chievo-Roma 2-2: Ranieri se la prende col campo. “Inguardabile, sembrava beach soccer”

Il pareggio fra Chievo e Roma può accontentare entrambe le squadre. La Roma è stata padrona della prima metà di gioco, terminata sul punteggio di 0-2, grazie alla doppietta del brasiliano Simplicio, in serata di grazia. Nella ripresa però la musica cambia e il Chievo fa vedere ciò di cui è capace. Con grande grinta e determinazione, i veneti prima riducono lo svantaggio con Moscardelli, poi acciuffano il pari con Granoche.

Soddisfatto il tecnico del Chievo, Pioli: “Con questo atteggiamento nessun risultato è precluso. Alla fine del 1o tempo non ho nemmeno dovuto stimolare e motivare i ragazzi. Peccato che è sfumata per un soffio la rimonta completa“, dichiarazioni riportate da La Gazzetta dello Sport. Contento il potagonista del match, Moscardelli, ai microfoni di Sky: “Era un campo difficile, ci abbiamo provato e siamo stati bravi. Perché sono arrivato in serie A a 30 anni? Non lo so, me lo sono chiesto anche io. Il campo era disastroso, ha influito parecchio, c’era parecchia sabbia“.

Di tutt’altro umore il tecnico giallorosso, Ranieri, che recrimina per un campo inguardabile: “Era un campo difficile, ci abbiamo provato e siamo stati bravi. Perché sono arrivato in serie A a 30 anni? Non lo so, me lo sono chiesto anche io. Il campo era disastroso, ha influito parecchio, c’era parecchia sabbia – ha detto Ranieri a Sky – non si poteva gestire il due a zero, perchè era impossibile fare due passaggi di fila. Almeno sono contento del fatto che nessuno si sia fatto male su un campo del genere“. Cosciente del suo errore sul primo gol del Chievo, Julio Sergio pensa al futuro: “La palla è rimbalzata male, ma dovevo fare molto meglio. Ormai dobbiamo guardare avanti“.

Alberto Ducci