Android 3.0: in arrivo

San Francisco. All’evento “D: Get Into Mobile Conference” il VP of Engineering della Google, Andy Rubin ha presentato un nuovo tablet che avrà come sistema operativo il nuovissimo Android 3 HoneyComb.  Il nuovo sitema operativo per smartphone e tablet sarà installato su apparecchi che rispetteranno le specifiche minime richieste, cioè un processore a 1 GHz, 512 MB di RAM e un schermo da 3,5 pollici o più.

Da indiscrezioni, già pronto ad ottobre sta per essere rilasciato a breve su dispositivi che saranno in vendita a Natale, così da poter constrastare l’uscita degli smartphone con windows 7 e il rivale di tutti i tablet l’IPAD.La versione 3.0 di Android sembra destinata ad apparecchi di fascia alta, mentre Android 2.1, 2.2, 2.3 rimarranno per gli smartphone e tablet di fascia medio-bassa.

Una delle possibilità che offrirà il nuovo sistema operativo sarà quella di poter disabilitare le interfacce dei costruttori del dispositivo acquistato, per poter creare la propria. Inoltre l’aspetto multimediale sarà più curato e il design per la visualizzazione dei contenuti quali foto e video sembrerebbe sia orientato verso la consultazione a gallery, come per Picasa.

Nella presentazione all’evento sopra citato, è stato presentato Android 3.0 installato sul nuovo tablet della Motorola, il Motopad. Questo tablet avrà come motore il cipset dual core Tegra 2 di Nvidia e uno schermo da 10 pollici, come richiesto dalle specifiche. Questo processore, già usato per il tablet della Toshiba folio 100, è molto potente e garantisce risultati eccellenti per la visualizzazione dei contenuti multimediali.

Appena sarà utilizzabile potremo scoprire tutte le funzionalità avanzate del nuovo Android e sapere come si comporta per supportare le pagine flash, le videochiamate e tutte le apps dell’Android market.

Una notizia parallela è il lancio del nuovo Google Map, che diventa più potente, migliorando le sue performance e le sue funzionalità. Inoltre grazie alla nuova struttura vettoriale delle mappe potrà risparmiare spazio e permettere di scaricare mappe complete sui dispositivi per consultazione offline. Non sarà però solo Android 3.0 a poter gestire questa nuova funzionalità che assicura la Google, sarà infatti  messa a disposizione anche degli altri sistemi operativi.

I.T.