Cluj-Roma 1-1, Totti sicuro: “Siamo la mina vagante della Champions”

Si è chiusa sull’1-1 la sfida di ieri sera tra Cluj e Roma. Un pareggio che va benissimo ai giallorossi, cui bastava un punto per assicurarsi la matematica qualificazione agli ottavi di Champions League.

Il risultato dello Stadio R?dulescu, però, lascia l’amaro in bocca per come è arrivato. Gli uomini di Ranieri sono stati bravi a trovare il vantaggio dopo 21′ con il solito Borriello, arrivato al decimo centro stagionale. Su lancio in profondità di Fabio Simplicio, l’attaccante napoletano si è presentato davanti a Stancioiu e lo ha trafitto di sinistro. Dopo aver dominato per un’ora, però, i giallorossi sono calati nel finale. I rumeni, spinti da un ottimo Culio, ne hanno approfittato, trovando il gol del pari a 2′ dal termine con un colpo di testa di Traoré.

RANIERI, AFONO, NON C’E’ – A fine match Claudio Ranieri non si è presentato davanti alle telecamere. Troppe le grida durante i 90′: il tecnico testaccino era senza voce. Al suo posto ha parlato il vice, Christian Damiano: “Risultato forse non giusto, meritavamo qualcosa in più. Ma ci siamo qualificati, questo è l’importante. Viviamo una situazione un po’ al rovescio dell’anno scorso, quando avevamo recuperato tantissimi punti. Manca un po’ di concentrazione, soprattutto nei minuti finali, e dobbiamo riuscire a trovarla“.

TENSIONE FRA TOTTI E BURDISSO – Sul litigio tra Totti e Burdisso, che nel finale di gara hanno battibeccato sia in campo che nel tunnel che portava agli spogliatoi, Damiano ha chiarito che “è stato solo un po’ di nervosismo, negli spogliatoi era già passato tutto. D’altra parte sono due campioni che hanno carattere, si può capire la tensione: era indispensabile fare il risultato“.

Anche il capitano giallorosso è voluto intervenire sulla discussione con il difensore argentino: “Si è trattato di un piccolo screzio, una cosa che in campo può capitare. Non siamo riusciti a raddoppiare e Nicolas, al gol del Cluj, se l’è presa un po’ con tutti, non solo con me. A lui, come a me, piace vincere. Tra un romano e un argentino è una bella lotta, ma ci siamo chiariti e tra di noi è tutto a posto“.

TOTTI: “CE LA GIOCHIAMO CON TUTTI” – Il secondo posto nel girone E costringerà la Roma a giocare contro una delle big del calcio europeo, ma Totti non si dice preoccupato: “Dovremo vedercela con squadre di primo livello e può succedere di tutto. Sappiamo di essere una grande squadra, affronteremo queste sfide a viso aperto. Questa Roma può essere la mina vagante della Champions, perché la nostra esperienza è certamente un valore aggiunto molto importante“.

Pier Francesco Caracciolo