F1, prende forza l’idea delle 4 monoposto Lotus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:22

L’effettivo ritorno del marchio Lotus non può che rendere felici tutti gli appassionanti del mondo motoristico. Un celebre marchio come quello inglese, autore di una delle più intense pagine nella storia delle competizioni, merita decisamente il palco celeberrimo della Formula uno, massima espressione di tecnologica e velocità su ruote. Ma purtroppo ora vi è un fatto paradossale ed incredibile che sta portando grave confusione e rischia di far iniziare la stagione 2011 già intrisa di veleni. Si tratta della disputa tra il gruppo Lotus Car (capitanata da Dany Bahar) e la squadra Lotus Racing con Tony Fernandes. Entrambi affermano di avere i diritti per poter iscrivere al prossimo campionato con il nome Lotus, prendendo quindi in eredità il lavoro del leggendario Colin Chapman. Due squadre non legate fra di loro che però si contendono lo stesso nome.

La questione è già arrivata da tempo in tribunale, ma il verdetto finale stenta ad arrivare. La Lotus Car infatti possiede i diritti del celebre marchio, ma Fernandes ha comprato di tasca sua il nome “team Lotus” da David Hunt, divenendo il nuovo proprietario della storica scuderia di Formula uno. Una sorta di sdoppiamento di una stessa squadra, che però non deve essere per forza di cose negativa. A pensarlo è lo stesso Dany Bahar, che con sorpresa pare accettare l’idea di veder gareggiare quattro vetture Lotus il prossimo anno: “Non è un problema, quattro monoposto Lotus sono meglio di due. Non ho nulla in contrario a proposito, per noi questa è una promozione del marchio e non una potenziale fonte di confusione o concorrenza.” Un pensiero inatteso che fa storcere il naso ai più. Va bene che è meglio abbondare, ma il circus rimarrebbe in una sorta di caos, visto che una soluzione definitiva non si troverebbe comunque.

Tocca quindi a terzi prendersi l’obbligo di decidere e chiudere in maniera definitiva questo contenzioso. Di Lotus ve né una sola e tale deve rimanere. Assurdo immaginarsi due squadre rivali che però portano lo stesso nome ed obbiettivo. Una guerra interna che alla fine rovinerebbe il marchio stesso ed anche la credibilità di questo sport, sempre più falciato da giochi di potere e interessi economici. Nei prossimi giorni vi saranno sicuramente ulteriore novità a riguardo. Vedremo se la strada intrapresa porterà alla creazione di due oppure 4 vetture Lotus, segnando negativamente un campionato ancora prima di iniziare.

Riccardo Cangini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!