Savona, clochard muore tra le fiamme

Tragedia a Savona nel giorno dell’Immacolata. Un uomo italiano, senza fissa dimora, è morto nel pomeriggio di ieri tra le fiamme del piccolo incendio che ha interessato il suo giaciglio di cartone. L’uomo era avvolto in una coperta che ha preso fuoco forse a causa di una sigaretta accesa.

La vittima è Leonardo Nozza, clochard di 53 anni d’origine bergamasca e piuttosto noto per le vie di Savona. E’ morto ieri alle ore 17 sotto un porticato che si trova in via delle Trincee, vicino al Monte dei Paschi di Siena.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo si stava riparando dal freddo su un giaciglio di cartoni. Sarebbe stata la coperta sintetica sotto la quale cercava di proteggersi dal gelo a prender fuoco, probabilmente per colpa di una sigaretta accesa, ed a provocargli ustioni su buona parte del corpo. Forse ubriaco, Nozza non sarebbe riuscito a reagire o ad allontanarsi dalle fiamme.

Quando i vigili del fuoco sono arrivati sul posto, il piccolo incendio era già stato spento da un passante. L’uomo è morto nel momento in cui sono giunti i soccorritori. Per il medico legale Nozza non è però deceduto a causa delle ustioni, tutto sommato non così gravi, ma per colpa di un infarto o dell’aggravarsi di un coma etilico.

Sarà l’autopsia, disposta dal sostituto procuratore Ubaldo Pelosi, a certificare il motivo della morte.

Gianluca Bartalucci