Amplifon al 100% di Nhc

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:35

Amplifon ha finalizzato l’acquisizione del 100% del gruppo australiano National Hearing Care (Nhc) per 460 milioni di dollari australiani, circa 343 milioni di euro.

La transazione, ricorda una nota di Amplifon, è stata finanziata per circa 70 milioni di euro attraverso l’aumento di capitale dello scorso  4 novembre, chiuso con sottoscrizioni pari al 9,99997% del capitale, per un controvalore di circa 72,4 milioni, e per il resto attraverso un finanziamento bancario organizzato da B.Imi, Bnp Paribas Italian Branch, Citigroup Global Markets Limited e UniCredit e che ha visto la partecipazione di 17 istituti.

Il closing dell’acquisizione segue l’approvazione del Foreign Investment Review Board, Australia, e dell’Overseas Investment Office, Nuova Zelanda.

L’acquisizione di Nhc rappresenta un’operazione di grande rilievo strategica per Amplifon, che in tal modo entra in un’importante area geografica “scoperta” con interessanti prospettive di sviluppo. Se si considerano, ancora,l’aumento della quota di mercato e dei volumi di apparecchi acustici trattati, il Gruppo potrà beneficiare di ulteriori economie di scala.

Nhc, attivo nella commercializzazione di soluzioni uditive, opera in Australia, Nuova Zelanda e India con un network di circa 200 negozi e 240 audioprotesisti. Il fatturato consolidato della società, al 30 giugno di quest’anno, e’ di 144 milioni di dollari australiani.

“Siamo felici – il commento dell’amministratore delegato del gruppo, Franco Moscetti – per la finalizzazione dell’acquisizione del gruppo Nhc, realtà che si caratterizza per il forte posizionamento di mercato, la validità del business model, l’esperienza consolidata del proprio management team, che è stato opportunamente mantenuto e fidelizzato, e che potrà consentire al gruppo Amplifon di porre solide premesse anche per una futura espansione nei mercati asiatici”.

“Siamo inoltre molto soddisfatti –  ha aggiunto l’Ad –  per l’esito particolarmente positivo registrato dalle operazioni di aumento di capitale e negoziazione del nuovo finanziamento bancario che testimoniano il giudizio favorevole del mercato sull’acquisizione e la fiducia degli investitori e delle banche verso i nostri piani di sviluppo”.

Marco Notari