I presepi di Tettamanzi all’asta: aiuteranno il Fondo Famiglia Lavoro

L’arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi, due anni fa aveva istituito il Fondo Famiglia Lavoro che si occupa di aiutare i singoli e le famiglie colpite dalla crisi.

Lo scorso 18 novembre per il Fondo l’arcivescovo riuscì a raccogliere ben 50 mila euro, ricavati dalla messa in asta di icone e di libri antichi di sua proprietà che aveva ricevuto gli anni passati.

Oggi invece Tettamanzi, per incrementare i guadagni del Fondo, si spoglierà dei suoi antichi presepi: di manufattura artigianale «Ognuno ha i suoi hobby e io ho questo dei presepi, che mi fanno tornare bambino» ha confessa l’arcivescovo di Milano.

«I bambini sono capricciosi ma capaci di grande generosità e siccome con i presepi torno bambino anch’io, vi svelo – racconta scherzoso Tettamanzi – un piccolo capriccio: non ho dato tutti i presepi, mi sono tenuto una culla con un bimbetto scuro, dagli occhi vispi, che mi hanno regalato nel 1989 ad Ancona». Il ricavato dalla vendita dei presepi, esposti a partire da venerdì al Duomo Point di Milano e visibili online sul sito www.chiesadimilano.it, verranno destinate al Fondo Fiducia Lavoro che oggi, secondo il segretario generale Luciano Gualzetti, vede in attesa «881 famiglie che non hanno ancora ricevuto risposta perché non abbiamo la garanzia di poter dare loro aiuto». L’operazione, comunque, non ha solo risvolti economici: «una famiglia in difficoltà ha più bisogno di sostegno umano che economico e il fondo – ha concluso l’arcivescovo – ha per scopo anche quello di migliorare il nostro stile di vita» e ottenere più sobrietà.

Dal Natale 2008 a oggi il Fondo, attraverso le parrocchie, ha distribuito 9.287.655 euro a 4.667 persone bisognose, di cui il 66% disoccupate, il 55% straniere, il 72% di sesso maschile, il 68% sposate e l’86,9% con figli.

Martina Guastella