Berlusconi: aperitivo di “gruppo” al Peck di Milano

Un  bagno di folla per il presidente del Consiglio, ieri in via Spadari  a Milano, presso la gastronomia Peck, che non ha mai avuto tanta gente così. Berlusconi ha bevuto un aperitivo, ‘veramente’ in compagnia. Insieme a lui il ministro della Difesa La Russa, il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla e la consigliera regionale Nicole Minetti. “Il premier ha voluto far visita a uno dei simboli dell’imprenditorialità milanese” ha commentato Ignazio La Russa e ha poi ribadito che in altri Paesi il confronto politico non è aspro come in Italia.

Via Spadari non è mai stata così affollata il sabato mattina, fuori dalle vetrine della “fortunata” gastronomia una calca incredibile che inneggiava “Bravo! Non mollare! Non abbandonarci!”. La visita del cavaliere non è stata annunciata e chi è rimasto fuori dal negozio non ha potuto fare altro che accontentarsi di guardare da lontano. I titolari, i fratelli Stoppani, hanno raccontato che il presidente ha scherzato e parlato del suo nipotino già intenditore di specialità culinarie.

Berlusconi ha poi spiegato che bisognerebbe modernizzare il nostro paese troppo impigliato nella burocrazia. Prima della passeggiata e dell’ingresso nella celebre salumeria, si era fermato a firmare al gazebo Pdl di piazza santa Maria Beltrade e, rivolgendosi ai fan, ha detto. “Abbiate fiducia. L’Italia non sta male e andrà sempre meglio. Buon Natale a tutti voi e ai vostri cari”.

Inutile dire che tutt’intorno la gente ha sospeso qualsiasi cosa stesse facendo per fermarsi ad ascoltare il discorso di Silvio Berlusconi. “Sarà più difficile governare e approvare in parlamento le leggi proposte dal governo – ha commentato il cavaliere – ma io credo che andremo avanti lo stesso”.

Il presidente del Consiglio, sempre protetto dalla sua scorta, ha continuato la passeggiata, ha stretto le mani dei passanti e ha salutato la gente con molti sorrisi. Non ha fatto nessun commento sui cortei in piazza a Roma del Pd, continuando a mostrare sicurezza malgrado manchino pochi giorni al voto di fiducia in parlamento. Berlusconi si è detto convinto del sostegno della gente e ha dichiarato di essere certo di riuscire a portare a termine i 2 anni e mezzo della legislatura che le restano alla fine del mandato.

Cosmo de La Fuente