Il matrimonio riduce l’aggressività maschile

Il matrimonio fa bene alla coppia, al “marito” in particolare. Le nozze avrebbero un effetto “camomilla” e ridurrebbero i comportamenti aggressivi negli uomini, li renderebbe più gentili, socievoli e sani rispetto a chi è single. I tratti negativi della personalità come aggressività, tendenza a mentire e addirittura a commettere atti criminali, risultano meno in evidenza.

Un’ipotesi che, stando a quanto pubblicato sulla rivista Archives of General Psychiatry, un’equipe della Michigan State University (Usa) sembra aver verificato: il merito sarebbe del matrimonio in se stesso, ma anche del fatto che statisticamente gli uomini che agiscono in maniera “antisociale” risultano meno spesso in coppia.

La professoressa Alexandra Burt e i suoi colleghi, esaminando per 12 anni i dati di 289 coppie di gemelli maschi all’età di 17, 20, 24 e 29 anni, hanno rilevato che gli uomini aggressivi o che si macchiano di crimini hanno minori probabilità di sposarsi. Una volta sposati, però, il matrimonio si è dimostrato un concreto ostacolo al ripetersi del loro comportamento antisociale o criminale. L’effetto delle nozze era ancora più notevole prendendo in considerazione i i gemelli “identici”. Tali soggetti, partiti con patrimonio genetico identico e personalità molto simili, hanno preso strade diverse: quelli che hanno goduto i fiori d’arancio hanno esibito comportamenti migliori.

Burt evidenzia che è improbabile che il matrimonio inibisca direttamente la cattiva condotta maschile, ma piuttosto è un elemento che avvia una catena virtuosa nella vita di un uomo: ci si lega alla propria moglie e alla famiglia, si frequentano meno “brutte compagnie”. Secondo i ricercatori, alla base vi è l’acquisizione di nuovi elementi parentali, come la moglie e la famiglia di lei. Questo impone al neo-marito una serie di regole che ne migliorano il carattere.

E questo è tanto più vero, quanto più il matrimonio va bene: la riduzione delle brutte abitudini, assicurano gli esperti, è maggiore nelle coppie che hanno un matrimonio felice. 

Adriana Ruggeri