Medico sbaglia diagnosi, risarcito per 58mila euro il campione Dall’Ava

Il campione di enduro Davide Dall’Ava, 33 anni, di Sanremo, è stato risarcito per complessivi 58 mila euro circa (48mila per il danno e la rimanente parte per le spese legali) dal dottor Igor Mario Rossello, per un errore medico, conseguente a un’errata diagnosi, che comportò un aggravarsi dell’invalidità nel paziente, salita dal 9 al 16 %.
 
La vicenda ha avuto inizio nel 1996, quando Davide, ancora una giovane promessa del motociclismo, cadde e riportò la frattura del polso sinistro e la lussazione del gomito sinistro. Per evitare danni permanenti o lesioni che potessero compromettere la sua carriera, in un primo momento venne ricoverato all’ospedale di Mondovì, dove fu poi indirizzato alla clinica del dottor Igor Mario Rossello di Savona, ritenuto grande specialista nel suo settore (chirurgia della mano). Il medico, tuttavia, sbagliò diagnosi e intervento e Davide si accorse di avere nuovamente dolore all’arto interessato.
 
L’avvocato del motociclista ligure, Luigi Patrone, grazie ad una dettagliata perizia medica, è riuscito a vincere la causa intentata nel 2005 e a far risarcire il suo assistito.

La carriera del motociclista, comunque, è proseguita con successo. Si è classificato infatti al terzo posto nel Campionato italiano enduro 2010, a riconferma del suo talento nella pratica di quella difficile specialità del fuoristrada.

Adriana Ruggeri