Bologna-Milan 0-3: Galliani soddisfatto, Malesani si inchina

È raggiante l’ambiente rossonero dopo la vittoria ottenuta ieri al “Dall’Ara”. Il Milan ha sconfitto il Bologna per 0-3 con le reti dei suoi tre gioielli: Boateng, Robinho e Ibrahimovic. Nulla da fare per i felsinei, soprattutto quando Di Vaio incontra una giornata negativa. E l’allenatore rossoblù Malesani non può far altro che inchinarsi al ‘mostruoso’ talento dell’attaccante svedese.

Al termine della gara, Adriano Galliani si è detto ampiamente soddisfatto del match e della prestazione della squadra. Quest’oggi il Milan ha giocato una grande partita. Hanno segnato gli stessi marcatori della scorsa domenica, ovvero i tre acquisti della campagna estiva [Ibrahimovic, Robinho, Boateng ndr] – ha spiegato l’ad rossonero – Mister Allegri è eclettico. A gara in corso ha inserito Strasser, che quando è entrato ha fatto bene. Abbiamo a disposizione diversi ricambi”. L’ampiezza della rosa, infatti, potrebbe essere l’arma in più del Milan di quest’anno.

Anche l’allenatore rossonero si è detto felicissimo per il risultato. La squadra è matura. Sa quello che vuole e cerca di ottenere sempre il massimo – ha affermato Allegri – Ha reagito dopo la partita con l’Ajax: la sconfitta ci ha fatto bene e quando perdi succede sempre qualcosa, anche se contava poco. Ora avanti così, domenica con la Roma sarà dura”.

Poi un ringraziamento speciale va al metronomo Pirlo, giocatore che ha saputo riadattarsi e reinventarsi per il bene del Milan, secondo le direttive del mister e con ottimi successi: “In questo momento credo che Andrea Pirlo giochi meglio nel ruolo di mezz’ala perché c’è Ambrosini che davanti alla difesa ci da maggiore copertura – ha dichiarato l’allenatore milanista a Sky Sport – In questo modo dà la possibilità a Pirlo di svariare di più. E’ un ruolo che a lui piace molto e lo sta facendo molto bene”.

E anche Malesani riconosce la sontuosa prestazione del Milan e si inchina: Giù il cappello a questo giocatore [Ibrahimovic, ndr] che se era dalla parte nostra probabilmente cambiava la partita – ha convenuto l’allenatore rossoblù – Credo che siano troppi tre gol di differenza per quello che abbiamo prodotto, ma devo dire che il Milan è la squadra più forte che ho incontrato fino ad ora.

Poi uno sguardo verso casa sua, verso quell’ambiente bolognese che non lesina mai sostegno, nonostante le difficoltà societarie: “Noi abbiamo ottenuto 20 punti, che non è poco e spero che questa sconfitta non demoralizzi chi vuole acquistare questa società – conclude il mister felsineo – Il pubblico anche oggi ci è stato vicino e spero che domani si prosegua verso la fine di questo calvario societario”. Un augurio di tutti i tifosi e appassionati di calcio, non solo bolognesi.

Emanuele Ballacci