Roma: manifestanti assaltano Senato e Camera

Nel giorno in cui il Parlamento conferma la fiducia al governo Berlusconi, esplodono le proteste per le vie di Roma. Numerosi studenti – e non solo – si sono infatti riversati nelle strade vicine a Palazzo Madama e a Montecitorio e si sono scontrati con le forze di polizia, schierate fin da stamattina a difesa dei parlamentari.

I manifestanti hanno esploso bombe carte, petardi, fumogeni ed hanno utilizzato bombolette di vernice colorata per cercare di eludere gli agenti. Alcuni petardi hanno raggiunto Palazzo Madama, tuttora protetto da diversi mezzi blindati.

Gli scontri, specialmente attorno alla sede del Senato, continuano. Molti dei manifestanti si sono dotati di caschi e scudi e hanno esploso bombe carta contro i mezzi della polizia. Le forze dell’ordine, dal canto loro, hanno risposto lanciando alcuni lacrimogeni e hanno sgomberato temporaneamente alcune strade. Nei pressi di Palazzo Madama le cariche della polizia sono state numerose.

Qualche scontro si è verificato anche nelle vicinanze della Camera. In via degli Uffici del Vicario sono state fatte esplodere 3 bombe carta. Non semplice, anche qui, il lavoro delle forze dell’ordine, che hanno tentato di bloccare un gruppo di manifestanti ‘armati’ di vernice e uova.

Un giovane sarebbe rimasto ferito al volto durante gli scontri in via delle Botteghe Oscure.

Gianluca Bartalucci