Il sonno, un’efficace cura di bellezza

Il sonno come ricetta di bellezza. Non solo una credenza popolare, ma il risultato di un esperimento condotto dai ricercatori dell’Istituto Karolinska di Stoccolma e direttodal dottor John Axelsson.

Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sul British Medical Journal, ha coinvolto 23  volontari tra i 18 e i 30 anni che sono stati fotografati in due momenti diversi. Nella prima fotografia, i soggetti avevano trascorso una piacevole notte di sonno di otto ore, mentre nella seconda, avevano potuto dormire solo cinque ore su 31. Le condizioni in cui le immaggini sono state scattate erano le stesse: in entrambe i soggetti avevano i capelli sciolti, il viso curato, l’espressione serena. Simili anche le condizioni di luce e la distanza dalla macchina fotografica. Le immagini sono state sottoposte ad una giuria di 65 persone e tutte hanno preferito quelle dei soggetti riposati, di cui hanno esaltato l’aspetto gradevole. “La nostra ricerca  -conclude il capo-ricercatore- mostra che chi è privato del sonno ha un’espressione meno salubre, meno attraente e meno riposata, il che suggerisce che gli esseri umani sono sensibili ai segni facciali legati al sonno, con potenziali implicazioni sui comportamenti e le decisioni sociali”.

Fino ad oggi, numerose ricerche hanno messo in evidenza l’importanza del sonno per il benessere mentale dell’individuo, dato che favorisce la memoria e la creatività. Un altro studio ha dimostrato che l’ideale sarebbe dormire sette ore, per evitare di andare incontro a deficit dell’apprendimento. Nemici uno del sonno sono da un ,lato, lo stress, causa dell’insonnia, dall’altro il fumo. Secondo gli esperti, infatti, nessun sonno ristoratore può controbilanciare gli effetti della nicotina sul viso.

Annastella Palasciano