Pagelle Seongnam-Inter: Milito c’è, Stankovic super

Una bella Inter contro un avversario modesto: sarà stato un rodaggio in vista della finale, ma il 3-0 che i ragazzi di Benitez hanno portato a casa è un’ottima iniezione di fiducia dopo un periodo difficile. A pieno organico l’Inter convince. Ed anche Benitez può sorridere.

Seongnam

Jung 5: il portiere coreano si arrende tre volte. Può poco ma fa ancora meno.

Ko 4.5: Eto’o è Eto’o e fa quello che vuole. E lui non si oppone.

K. B. Cho 5: Serataccia: in una difesa di burro si scioglie con gli altri.

Ognenovski 5.5: il capitano cerca di reggere la baracca. Non vi riesce granchè. Insidioso su punizione.

Kim 5.5: dal suo lato si soffre leggermente di meno.

D. G. Cho 5.5: frangiflutti a centrocampo, fa quel che può.

Choi 5: Ben diversa la sua prestazione contro l’Al Wahda. Ben diverso lo spessore degli avversari.
(dal 68° Song 5.5: la partita era chiusa e lui cerca qualche puntata offensiva. Poca roba).

Jo 5: si segnala per un tiro dalla distanza che crea qualche brivido. Nient’altro di rilevante.
(dal 68° Cheon 5.5: un pizzico più vivace del compagno sostituito. Ma un pizzico proprio).

Hong 5: nulla di nuovo nel marasma generale.

Molina 6: ha una classe superiore ai suoi compagni (forse anche messi assieme, chissà). Cerca spunti, cerca giocate. Almeno ci prova. Coraggioso.

Radoncic 4.5: se un giocatore europeo brama la naturalizzazione come sudcoreano per giocare nella Nazionale locale, chiedersi il perchè è lecito. Ieri la risposta.
(dall’86° J. Kim sv)

Allenatore: Shin 5: scendere in campo contro i campioni d’Europa non è facile di per sè. Se poi la squadra è sì organizzata ma poverissima di elementi tecnici l’impresa diventa una scalata. Onore al merito di essere arrivato sin qui.

Inter

Julio Cesar 6: torna dopo un mese e mezzo di stop. Una bella parata ed un’uscita a farfalle. Poco altro.

Zanetti 7: Maicon chi? Ieri il capitano non ha fatto rimpiangere il brasiliano dei tempi migliori. Che partita!

Lucio 6.5: rispetto alle ultime giornate la difesa balla di meno. Ha i suoi meriti, accresciuti dalla pochezza degli avversari.

Cordoba 6: gran scudiero di Lucio, lo accompagna in una partita che crea pochi grattacapi.

Chivu 6: reduce da un lungo infortunio, non spinge. Non sempre a suo agio come terzino. Bene in fase difensiva.
(dal 79° Santon sv).

Stankovic 7.5: avanzato nella posizione di Sneijder gioca una partita strepitosa. Eto’o gli aveva pronosticato 3 gol al Mondiale: il primo è arrivato.

Cambiasso 6: efficace sì ma poco mobile, poco reattivo. Non è difficile contenere i coreani, ma il Cuchu che conosciamo è un altro.

Pandev 5: ad un certo punto ti chiedi perchè abbia sempre il posto da titolare.

Sneijder sv.
(dal 4° Motta 6: sostituisce Sneijder dopo pochi minuti. La gamba ancora non c’è ma rispetto a Brema è un’altra storia).

Eto’o 7: torna all’ala e crea più di un problema alla difesa avversaria. Ed anche svariati mal di testa.

Milito 7: Eccolo il “Principe” come lo conosciamo: gol e assist e una prestazione di buon livello. L’uomo del Triplete sta ricominciando a carburare.
(dal 76° Muntari sv).

Allenatore: Benitez 6.5: ora non ha la scusante dei tanti infortunati. L’Inter sembra riprendere a girare.

Edoardo Cozza