Yara Gambirasio: video, un intruso alle gare di ginnastica


Carabinieri e polizia indagano su presunte presenze sospette rilevate nei video di Yara Gambirasio.

La famiglia era solita girare filmati delle sue gare sportive, e già qualche giorno fa gli inquirenti avevano visionato qualche frammento, ma ora si indagherebbe su un intruso.

Una persona notata tra il pubblico che non avrebbe alcun collegamento né con la famiglia, né con gli altri partecipanti alla gara. A quelle manifestazioni sportive partecipavano, appunto, solo i familiari delle ragazzine o gli addetti ai lavori, e l’intruso sembra non aver alcuna corrispondenza con questi.

Le indagini non hanno una pista specifica su cui ci si concentra maggiormente, nonostante siano state interrogate persone sospette per recenti reati.

Il sostituto procuratore, Letizia Ruggeri ha, infatti, disposto diversi accertamenti su un trentenne segnalato a Zingonia, a pochi km da Brembate di Sopra, accusato di aver molestato ragazzine. I soli reati per cui il ragazzo è pregiudicato, in realtà, esulano dal motivo sessuale, e, anche per altre ragioni poco specificate, si pensa più ad una diffamazione messa in piedi per motivi personali, che ad una reale minaccia.

Allo stesso modo si indaga su due marocchini, di 23 e 25 anni, arrestati ieri per aver violentato a turno una giovane connazionale, nel loro appartamento, sempre a Zingonia. Si cerca di capire se sia possibile un collegamento con la scomparsa di Yara.

Emergono particolari sulle circostanze che portarono la tredicenne a recarsi al centro sportivo, quel 26 novembre.

Non era giorno di lezioni, né di allenamenti, come si sa, Yara raggiungeva il palazzetto per portare uno stereo in prestito. Come confermano le istruttrici, inizialmente l’incarico era stato affidato alla sorella, ma in extremis Yara avrebbe insistito per andarci al suo posto. L’episodio, accennato anche dalla madre della ragazzina in un’intervista, avrebbe indotto gli investigatori a porsi due quesiti sui quali lavorare: la ragazzina aveva un appuntamento già programmato? I rapitori avevano deciso di prendere sua sorella?

La terza ipotesi, per certi versi più probabile, per altri meno rassicurante, è che qualche malintenzionato ossessionato dalle ragazzine del centro, abbia rapito la prima vittima che si sia trovata a passare sotto i suoi occhi.

Carmine Della Pia