Napoli: doppio corteo contro l’emergenza rifiuti


Sabato di protesta a Napoli per dire no alle discariche.

Un primo corteo, partito da piazza del Gesù, cuore del centro storico, è andato di pari passo ad una manifestazione partita da via dei Mille, il salotto bene del capoluogo campano.

Quartieri popolari e zone alte per protestare contro l’attuale piano smaltimento, definito “l’ennesima presa in giro”.

Chiedono un piano per la raccolta differenziata, per il riciclo e il compostaggio, al posto delle discariche e degli inceneritori che graverebbero, in futuro, sull’ambiente e, soprattutto, sulla salute di una città intera.

Per questo motivo a manifestare con i cittadini vi erano anche alcuni medici dell’associazione italiana Medici per l’ambiente, che esprimono la propria preoccupazione sulle conseguenze che l’emergenza porterà sulla salute di tutti.

I due cortei sono confluiti in piazza del Plebiscito, erano in mille a portare il messaggio: no alle discariche.

Anche in questo caso una frangia violenta e irresponsabile della protesta ha causato disagi: un gruppo di manifestanti ha dato fuoco ad alcuni sacchetti davanti alla sede della Provincia di Napoli, in piazza Matteotti. Il resto dei manifestanti ha preso le distanze reagendo al gesto teppistico immediatamente, ovvero spegnendo le fiamme, al fine di garantire e sottolineare il carattere pacifico per il quale la protesta è nata.

Ad aprire la manifestazione, due alberelli: uno della vita, un piccolo abete decorato con i prodotti della terra, uno della morte, rappresentata dall’attuale piano per lo smaltimento rifiuti che comprende la costruzione di nuove discariche.

Le richieste dei cittadini sono state distribuite davanti alla Prefettura di Napoli: si tratta di un documento che invieranno a breve a tutte le autorità locali.

Si chiede, in primis, un incontro pubblico con i vertici della Regione Campania, il Comune e la Provincia di Napoli, e della Prefettura per discutere della realizzazione di impianti alternativi alle devastanti discariche.

Carmine Della Pia