Terrorismo, Interpol: rischio attentati a Natale in Usa e Europa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30

Alto rischio di attacchi terroristici a Natale in Europa e Stati Uniti. A rivelarlo è l’Interpol, organismo di polizia internazionale, il quale avrebbe ricevuto preoccupanti avvisaglie lo scorso 16 novembre presso la sua sede di Baghdad. Le autorità mondiali sono state avvertite del pericolo, tuttavia la tensione è altissima. Apprensione anche in Asia, e soprattutto in Giappone, oggetto di minacce da parte dei terroristi islamici.

“Abbiamo ricevuto informazioni da un ufficio dell’Interpol a Baghdad – ha rivelato un portavoce dal quartier generale dell’organismo, con sede a Lione – circa possibili minacce, dirette soprattutto verso Europa e Usa, lanciate dai comandanti terroristi verso cellule di Al Qaeda sparse in tutto il mondo”.

I 188 paesi membri dell’organismo internazionale sono stati prontamente allertati, tuttavia resta fortissima la paura del terrorismo nel caotico periodo natalizio. Un attentato si è verificato già lo scorso 13 novembre a Stoccolma, in Svezia. Un kamikaze si è fatto esplodere nel centro cittadino, poco distante da affollati negozi e dalle principali ambasciate. Poteva essere una strage ma, fortunatamente, l’ordigno è inavvertitamente esploso prima di arrivare al bersaglio. Le stesse fonti che hanno informato l’Interpol della minaccia di Natale, avevano reso noto il pericolo di un attentato a Stoccolma, che puntualmente si è verificato.

“Al Qaeda e altri gruppi terroristici – recita un comunicato congiunto del Dipartimento di Sicurezza Usa e dell’FBI – continuano a cercare modi innovativi per condurre attacchi e aggirare le procedure di sicurezza. Siamo preoccupati che la stagione delle vacanze possa offrire opportunità interessanti per i terroristi per colpire il nostro Paese”. Gli Stati Uniti hanno inoltre diramato un appello a tutti i viaggiatori che visiteranno l’Europa. infatti alto il rischio di attentati nelle metropolitane o in numerose attrazioni turistiche. Analoghi avvertimenti sono stati lanciati dalle autorità di Giappone, Svezia, Francia e Gran Bretagna.  Le principali misure di sicurezza concernono l’ampio utilizzo di cani che fiutano esplosivi nei principali luoghi pubblici, sui trasporti cittadini, nelle metropolitane, in aeroporto e nei centri commerciali.

Emanuele Ballacci

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!