Spumante batte Champagne per Natale e Capodanno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:11

Anche nel 2010 lo spumante batterà il più caro champagne nelle tavole imbandite a festa per il Natale e il Capodanno, almeno per numero di bottiglie prodotte e ordinate.

È Assoenologi a confermare il sorpasso, già avvenuto nel 2009, mentre il Comitè interprofessionnel des vins de champagne (Civic), che rappresenta i produttori del famosissimo vino francese, fa sapere che le ombre della crisi iniziano a svanire anche per i produttori d’oltralpe, dopo il crollo dei consumi del 27% registrato lo scorso anno in piena recessione economica.

Torna, dunque, la voglia di festeggiare la fine dell’anno in corso e l’inizio di quello nuovo spendendo anche qualcosa in più, almeno per il brindisi.

Per l’associazione degli enologi ed enotecnici italiani nel nostro Paese sono state prodotte 380 milioni di bottiglie di spumante mentre i francesi, in questa speciale classifica, sono secondi con 370 milioni di bottiglie, soprattutto Champagne. Segue la Spagna con 320 milioni di bottiglie, per la maggior parte Cava.

Per Giuseppe Martelli, direttore generale di Assoenologi, “Nel 2009 c’è stato un aumento di circa il 10% nella produzione di spumante in e la spinta a produrre di più è stata dettata dalle richieste di mercato”.

“L’Italia tradizionalmente non è un Paese grande consumatore di spumanti”, ricorda Martelli, con consumi minori di Spagna, Francia e Germania e il riposizionamento dei prodotti a favore del meno costoso spumante è stato sicuramente dettato anche dalla crisi. “Con una capacità di spesa ridotta i consumatori si orientano verso un prodotto di fascia media”, ha concluso, infatti, il rappresentante di Assoenologi.

Solo in Italia, lo scorso anno, i produttori di champagne avevano registrato una perdita di 2,6 milioni di bottiglie e 53,4 milioni di euro di fatturato, ma ora la produzione francese è in forte ripresa, con i dati ufficiali sulle vendite mondiali che arrivano ad ottobre e registrano un +12,4%, che diventa un +22% per le vendite nei Paesi Europei.

Marco Notari

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!