Paura a Roma: trovato un ordigno sulla metro

Un ordigno che, secondo il sindaco Alemanno, “poteva esplodere” è stato trovato questa mattina – dopo le ore 10 – da un dipendente dell’Atac su un vagone della linea B. Per precauzione, l’intera area è stata immediatamente isolata.

La scoperta della bomba è avvenuta questa mattina presso la stazione Rebibbia, quando un uomo del personale di servizio dell’Atac, un macchinista, ha visto un oggetto sospetto sistemato all’interno di una vettura che percorre la linea B. Il punto in cui è stato individuato l’ordigno è chiamato in gergo ‘binario tronchino’ e serve per effettuare le manovre dei treni.

Le forze dell’ordine e i Vigili del Fuoco sono stati subito allertati ed hanno provveduto a isolare la zona. In un secondo tempo ci si è accertati della potenziale pericolosità della bomba.

Informato sulla vicenda, il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha sottolineato che si trattava di una “bomba atta a esplodere”.

Il primo cittadino ha poi aggiunto: “Alle 10.30 [la bomba] è stata rinvenuta da un controllore dell’Atac sui binari della metro della stazione Rebibbia. E’ stata immediatamente disinnescata dagli artificieri. Appena ci saranno ulteriori delucidazioni verranno comunicate. Al momento la situazione è stata ristabilita e è sotto controllo”.

Si aspetta l’esito delle primissime indagini e verifiche per fare maggior chiarezza sull’intera vicenda.

Gianluca Bartalucci