Siti archeologici vesuviani aperti durante le vacanze natalizie

Il patrimonio archeologico campano non va in vacanza a Natale, regalando aperture straordinarie, il 25 dicembre e il 1 gennaio 2011, di alcuni settori con esposizioni didattiche.
A partire da Pompei, dove il complesso monumentale delle Terme Suburbane, famoso per le sue sontuose decorazioni anche a carattere erotico e normalmente visitabile solo su prenotazione on-line, sarà accessibile liberamente. A Ercolano si potranno visitare gli scavi dallo scorcio panoramico alternativo della scarpata Nord, le Terme Suburbane e il padiglione della Barca, con l’imbarcazione ritrovata sull’antica spiaggia e i vari reperti marinari annessi. Ad Oplonti, oltre alla visita alla Villa di Poppea, sarà possibile ripercorrere la storia archeologica dell’antica città attraverso un percorso espositivo-didattico. L’Antiquarium di Boscoreale presenterà l’esposizione straordinaria “Un lieto ritorno”, con la presentazione, in anteprima assoluta, dell’affresco di Bacco sacrificante, proveniente da un ambiente della Villa di Asellius, rinvenuta tra il 1903 e il 1904 sulle pendici occidentali della collina della Pisenella. Il dipinto, acquistato dalla Stato e successivamente trafugato insieme con altri pannelli, è stato poi ritrovato dal Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale presso un mercato antiquario di Londra e restituito al Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Sempre all’Antiquarium sarà possibile visitare anche la mostra “I calchi”, dedicata alle vittime dell’eruzione del 79 d.C. e prorogata fino al 20 febbraio 2011.

Valentina De Simone