Cina pronta a comprare circa 5 miliardi di debito del Portogallo

Pechino pronta a comprare 4-5 miliardi di titoli di debito pubblico portoghese. Almeno è quanto riportato ieri dal Jornal de Nogocios, che però non cita fonti ufficiali.

Secondo le indiscrezioni il Governo cinese potrebbe intervenire nelle emissioni di bond portoghesi del primo trimestre del 2011.

Il ministro delle Finanze portoghese, Fernando Teixeira dos Santos, la scorsa settimana ha incontrato il suo collega cinese, Xie Xuren, nel corso di una visita a Pechino.

La notizia ha certamente alimentato, dunque, la conclusione del quotidiano lusitano, suffragata anche da altri eventi recenti.

Nello scorso ottobre, come si ricorderà, il premier cinese Wien Jiabao, in visita ad Atene, si e’ impegnato a comprare bond greci, non appena la Grecia tornerà ad emetterli sul mercato.

L’altro ieri Pechino si è detto “molto preoccupata” per il “modo in cui la crisi del debito europeo può essere controllata”, e il vice premier cinese, Weng Qusshan, ha dichiarato che “la Cina appoggia le misure prese da Ue e Fmi per stabilizzare i mercati finanziari e ha intrapreso azioni concrete per aiutare alcuni paesi europei a far fronte alla crisi del debito”.

Il ministro del commercio Chen Deming, dal canto suo, ha aggiunto “Vogliamo vedere se l’Unione europea e’ in grado di controllare i rischi sul debito sovrano e se il consenso si possa tradurre in azioni reali per consentire all’Europa di emergere presto e in buona salute dalla crisi finanziaria”.

Stamane, ancora, Jiang Yu, portavoce del ministero degli Esteri, ha confermato che la Cina ha intenzione di aiutare i paesi della zona euro a tornare a uno stato di salute economica e che sosterrà il pacchetto di salvataggio del Fondo monetario internazionale per l’area.

Marco Notari