Home Sport Motori

SBK, Melandri operato alla spalla destra

0
CONDIVIDI

Questo inverno verrà ricordato per le innumerevoli operazioni alla spalla. Valentino Rossi sembra aver dato inizio ad una vera e propria “moda“, visto che dopo di lui anche Elias, Crutchlow ed ora Melandri hanno deciso di risolvere definitivamente i loro problemi andando sotto i ferri. Il pilota ravennate alla fine ha seguito il consiglio del dottor Porcellini (lo stesso di Rossi), sottoponendosi ad un piccolo intervento non eccessivamente invasivo ma comunque delicato. Negli ultimi giorni Melandri aveva accusato dolori alla spalla destra, causati molto probabilmente dal peso maggiore delle moto Superbike rispetto alle MotoGp.

Fattore che non ha giovato alla condizione della spalla già precedentemente ferita, riportando complicazioni e quindi dolore. In primis sembrava che l’ipotesi operazione poteva essere evitata, ma negli ultimi giorni la situazione invece che migliorare è peggiorata, portando come unica soluzione possibile quella di porre definitivamente fine al problema. Sono bastati solo due test (Spagna e Australia) perchè il vecchio infortunio tornasse a dare fastidio, impossibile quindi disputare una intera stagione in queste condizioni. Marco ha quasi l’obbligo di essere competitivo e vincente in Superbike, e la forma fisica deve essere assolutamente perfetta dato l’alto livello di competitività che la categoria ha raggiunto.

Ora però si apre un nuovo scenario. La presenza del pilota italiano al primo round stagionale è certa (fine febbraio a Philip Island), mentre per i test pre-stagionali molto probabilmente no. Pessima notizia visto che il lavoro di sviluppo e messa a punto della Yamaha R1 è tutt’altro che finito. Marco deve ancora adattare il suo stile di guida alle derivate di serie, mentre il nuovo forcellone presenta serie lacune che devono essere colmate. Saltare i giorni di prove quindi vorrà dire partire con un grasso handicap, abbandonando sin da subito i sogni iridati. Una sfida già in salita, che Marco però vuole vincere a tutti i costi.

Riccardo Cangini